Elezioni Milano 2021, si vota il 3 e il 4 ottobre

Elezioni comunali Milano 2021

3 Agosto 2021

Il Consiglio dei Ministri del Governo Draghi ha deciso: le elezioni Comunali di Milano 2021 si svolgeranno domenica 3 e lunedì 4 ottobre. L’eventuale ballottaggio, invece, sarà domenica 10 e lunedì 11: una settimana più tardi. Ecco un punto di tutti i candidati sindaco per Milano: da Beppe Sala a Luca Bernardo fino a Gianluigi Paragone.

10 CONDIVISIONI

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Elezioni comunali Milano 2021
ATTIVA GLI AGGIORNAMENTI

Ora ci sono anche le date: i cittadini milanesi voteranno il nuovo sindaco domenica 3 e lunedì 4 ottobre. Lo ha deciso l’ultimo Consiglio dei Ministri del Governo Draghi. Tempi accorciati rispetto a quanto ci si aspettasse (14 o 15 ottobre), motivo per cui molte liste stanno raccogliendo in fretta e furia le firme per presentarsi regolarmente alla urne da candidati. In caso di ballottaggio, poi, i cittadini sarebbero nuovamente chiamati ai seggi una settimana più tardi, domenica 10 e lunedì 11 ottobre.

I candidati sindaco di Milano

Sono ben undici i candidati sindaco che si sfideranno nella corsa a Palazzo Marino. Ecco chi sono:

Beppe Sala – È il sindaco uscente che gode di buone previsioni nei sondaggi. Candidato numero uno per la vittoria, dovrà fronteggiare principalmente il candidato del centrodestra. Come tutti i primi cittadini di Italia, ha dovuto far fronte ad una difficoltosa gestione causata dalla pandemia da Covid-19.

Leggi anche

Elezioni Milano, attivista rom e sinti Dijana Pavlović si candida con Sala: al centro l’integrazione

Luca Bernardo Il nome civico scelto dal centrodestra all’ultimo minuto dice di avere grandi progetti per la città di Milano. Dalla questione della sicurezza a quella delle piste ciclabili: il direttore del reparto di Pediatria del Fatebenefratelli parte svantaggiato ma confida nella coesione degli elettori della coalizione.

Gianluigi Paragone – È l’outsider più quotato. Uscito dal Movimento 5 stelle, punta a raccogliere i voti degli indecisi e dei delusi dai grillini.

Bianca Tedone – Potere al Popolo, orfano di Rifondazione Comunista, ci prova con l’unica candidata donna di questo turno elettorale. Bianca Tedone reputa Milano una città costruita come parco giochi per ricchi e indica Sala come uomo del centrodestra.

Alessandro Pascale – Candidato sindaco del Partito Comunista, vorrebbe una città a maggiore partecipazione statale. Contro l’abbattimento dello stadio di San Siro, Pascale ha annunciato di non voler supportare Sala in caso di ballottaggio.

Gabriele Mariani – Dopo aver lasciato il Partito Democratico si è avvicinato ai comitati milanesi. Non è escluso che al ballottaggio possa sostenere Sala, nonostante non sia d’accordissimo con le Olimpiadi invernali.

Simone Sollazzo – Anche lui ex grillino, si presenta nelle vesti di candidato sindaco dicendo di non essere né di destra né di sinistra.

Giorgio Goggi – Il candidato sindaco socialista è un architetto ed ex assessore ai Trasporti nella giunta Albertini. Il punto centrale del suo programma è la mobilità: vorrebbe riaprire i Navigli.

Mauro Festa – Questo il nome del candidato sindaco del partito gay di Milano. Ha annunciato la sua candidatura lo scorso 14 maggio. Il suo programma punta alla parità di genere, riduzione delle diseguaglianze e puntare ad avere una città ecosostenibile.

Bryant Biavaschi – Candidato lista civica “Milano inizia qui”. È un imprenditore lombardo e ha due lauree, una in Scienze politiche e una in Economia.

10 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage