“Tempi duri” per i dog walker: al massimo si potranno portare quattro cani al guinzaglio

Tempi duri per i dog walker e per i proprietari di cani a Londra. Una modifica del sistema di licenze su cui il Comune sta lavorando, soprattutto per le aree di Hampstead Heath, Queen’s Park e Highgate Wood, rischia di causare forti ripercussioni su chi dell’amore per i cani ne ha fatto un mestiere ma anche conseguenze negative sul fenomeno del randagismo. In parte dimenticato anche grazie al lockdown, un periodo di restrizioni durante il quale però in Gran Bretagna si è registrato il boom di adozioni o acquisti di cani. Le modifiche in discussione riguardano il numero di licenze che sarà rilasciato e anche il numero di animali che potrà essere affidato a ciascun dog walker: saranno quattro.

Le licenze rilasciate saranno invece 40 all’anno, un numero che fa discutere perché considerato ristretto rispetto alla domanda e anche rispetto a quelli che sono attualmente i professionisti impegnati. La Città di Londra ha motivato questi cambiamenti con problemi di sicurezza, sottolineando che molti dog walker portano anche più di 10 cani con sé, una quantità che diventa incontrollabile e pericolosa. Queste modifiche da un lato serviranno a regolamentare una professione oggi ancora forse è lasciata all’improvvisazione, ma dall’altra produrranno anche conseguenze economiche. Con l’aumento della domanda, visto il crescente numero di cani acquistati o adottati nell’ultimo periodo, e la diminuzione dell’offerta ovviamente le tariffe dei dog walker saliranno.

C’è il rischio che solo chi ha grandi disponibilità economiche potrà rivolgersi a questi professionisti per la cura dei propri animali domestici. Chi invece non ha grandi risorse sarà costretto ad un’alternativa. Gli animalisti temono che l’alternativa possa essere anche la mancata e adeguata cura e finanche, opzione estrema, l’abbandono dei cani. Ogni razza di cane ha le proprie caratteristiche e bisogni specifici. C’è chi ad esempio ha necessità di passeggiare per un determinato percorso ogni giorno e per un dato lasso di tempo, senza dimenticare poi i bisogni legati al benessere psichico.

Una volta approvato il regolamento, per accedere alle grandi aree verdi che offrono spazi adeguati per lasciare liberi i cani di circolare liberamente, sarà obbligatorio avere la licenza. Quindi chi ne è sprovvisto rischia una forte sanzione. Da qui la preoccupazione non solo dei dog walker ma anche dei proprietari dei cani. Si stima che con questa modifica sarebbero circa 700 al giorno i cani lasciati senza adeguata deambulazione. Lasciare tutto il giorno gli animali in casa, spiegano gli esperti, può portare a problemi comportamentali. Intanto più di 4700 persone hanno già firmato una petizione per opporsi alle restrizioni che si vogliono imporre.

Fonte : Today