Emancipation, sospesa la produzione del film con Will Smith: un caso di Covid nella troupe

La produzione di Emancipation, il film con Will Smith comprato da Apple per una cifra record, ha subito uno stop a causa di un caso di positività al Covid nella troupe. Stando a quanto riporta Deadline, le riprese sono state sospese per cinque giorni e alcuni lavoratori sono stati messi in quarantena in Louisiana.

Le riprese di Emancipation erano iniziate da poche settimane, e Apple TV+ spera che lo stop non incida in modo grave sulla tabella di marcia. Il mondo del cinema, però, sta cominciando a guardare con preoccupazione al diffondersi della variante Delta, che ha già costretto a fermarsi diverse produzioni, sia cinematografiche che televisive, al di qua e al di là dell’Oceano.

Diretto da Antoine Fuqua, Emancipation ha per protagonista Will Smith nel ruolo di uno schiavo. L’attore, che abbiamo visto nei giorni fa anche nel trailer di King Richard sulle sorelle Williams, interpreta Peter, che fugge dalla vita da schiavo in Louisiana dopo essere quasi rimasto ucciso a causa delle frustate ricevute, e si unisce all’esercito dell’Unione. Il film è basato su una storia vera e su una celebre fotografia, intitolata The Scourged Back, apparsa per la prima volta su The Independent nel maggio del 1963.

Alcune riprese di Emancipation erano previste in Georgia, ma proprio la scorsa settimana Antoine Fuqua e Will Smith hanno spiegato di aver cambiato location come forma di protesta nei confronti del governo di quello stato. “Le nuove leggi sul voto della Georgia ricordano gli impedimenti al voto approvati alla fine della Ricostruzione per impedire a molti americani di votare. Purtroppo, ci sentiamo in dovere di spostare il nostro lavoro di produzione cinematografica dalla Georgia in un altro stato.”

Fonte : Everyeye