Matt Damon contro supereroi e streaming: “Stanno rovinando il cinema”

Sono passati quasi 25 anni da Will Hunting – Genio Ribelle, che consacrò Matt Damon nel mondo del cinema. Da allora la fruizione e l’industria stessa sono molto cambiate, e anche se ha recentemente confermato il suo cameo in Thor: Love and Thunder, l’attore ha usato parole piuttosto dure nei confronti dei cinecomic.

In una recente intervista al Sunday Times, Matt Damon ha parlato di due svolte avvenute ormai più di un decennio fa: l’uscita di Iron Man, primo film del MCU, grazie al quale i film di supereroi sono diventati i blockbuster per eccellenza, e la nascita di Netflix e delle altre piattaforme streaming.

Questi due fattori, per l’attore premio Oscar, hanno impoverito il cinema a livello di contenuti, cambiando anche il modo di guardare un film. Matt Damon ha preso come esempio i suoi figli:

“Il modo in cui guardano i film è diverso da come lo facevamo noi. Come puoi guardare un film mentre scrivi dei messaggi sul cellulare? […] I film come li conosciamo non faranno parte della vita dei nostri figli. E questo mi rende triste.”

Matt Damon, che nei giorni scorsi abbiamo visto anche nel trailer di The Last Duel di Ridley Scott, ritiene inoltre che la crisi ai botteghini, di cui lo streaming è in parte responsabile, abbia portato i grandi studios a puntare su film, come i cinecomic, di sicuro appeal internazionale ma a lungo andare troppo semplici e piatti:

“Se vuoi che un film vada alla grande, vuoi la minima confusione culturale. Quindi c’è l’ascesa del film di supereroi, no? Sono facili per tutti. Sai chi è il buono e chi è il cattivo. Combattono tre volte e il buono vince due volte.”

Fonte : Everyeye