Cristiani fuggiti dopo due attacchi alla loro chiesa da parte di radicali buddisti

Il gruppo di radicali ha danneggiato l’edificio di mattoni e lamiera. Minacciati i 50 fedeli della Bangladesh Tribal Baptist Church perché tornino al buddismo.

Suandrapara (AsiaNews) – Gli abitanti del villaggio cristiano di Suandrapara, nel distretto collinare di Rangamati, sono fuggiti dopo aver subito due attacchi da parte di radicali buddisti, che hanno colpito anche la loro chiesa. Sono fedeli della locale Bangladesh Tribal Baptist Church. Il luogo sacro è stato costruita con il finanziamento della Bangladesh Bawm Tribal Baptist Church.

L’assistente parroco della chiesa di Suandrapara, il rev. Tubel Chakma Poran Adetion, ha detto ad AsiaNews che i fedeli del luogo vivono nella paura dopo l’attacco degli estremisti buddisti. “Eravamo buddisti e abbiamo incontrato Gesù Cristo nel 2005. A gennaio di quest’anno, abbiamo costruito la chiesa. Ogni giorno ci riunivamo e pregavamo, ma alla maggioranza buddista locale non è piaciuto. Ci hanno attaccato e demolito due volte la nostra Chiesa”.

Il rev. Adetion ha aggiunto che il 12 luglio alcuni radicali buddisti, guidati da Joan Chakma, li hanno avvertiti di abbattere la chiesa entro tre giorni. Chakma è un leader dello United People’s Democratic Front (UPDF), un gruppo politico locale.

I membri della Chiesa non hanno ceduto e il 15 luglio il gruppo di Chakma ha attaccato i membri della Chiesa: ha rotto il cancello, la croce e alcune parti della chiesa (v. foto). I radicali buddisti hanno intimato poi ai cristiani di interrompere ogni tipo di attività della chiesa e di tornare alla loro vecchia religione buddista: hanno dato di sette giorni per farlo. Il 22 luglio, scaduti i termini, hanno attaccato di nuovo i fedeli e demolito il muro, le porte e i tetti di lamiera dell’edificio.

Gli aggressori hanno anche avvertito che se qualcuno riferiva la notizia a qualsiasi media o presentava una denuncia alla stazione di polizia, doveva affrontare conseguenze disastrose. Nessun organo di stampa ha coperto l’accaduto; alcune persone hanno pubblicato però la notizia sui social media.

Il rev. Adetion ha raccontato: “Non siamo andati alla stazione di polizia per motivi di sicurezza. Siamo una minoranza e i buddisti ci possono fare qualsiasi cosa. Vogliamo la pace parlando con loro”. Ma ha detto che se i radicali non li ascolteranno, alla fine presenteranno causa contro di loro.

“I radicali ci hanno detto di distruggere la Chiesa, ma non lo faremo.Se bisognerà sacrificare la nostra vita, lo faremo. Ci minacciano per farci tornare alla nostra vecchia religione, ma non torneremo. Gesù Cristo è il nostro salvatore. Moriremo per Lui”, ha dichiarato il rev. Adetion.

I dirigenti della Chiesa protestante sono preoccupati. Il rev. Leor P. Sarker, segretario generale della Bangladesh Baptist Church Fellowship (BBCF), organizzazione ecclesiale centrale del Bangladesh di denominazione protestante, ha detto ad AsiaNews di essere informato dell’attacco alla loro chiesa a Rangamati. Egli Ha detto: “Siamo preoccupati per i nostri fedeli. Sono circa 50. Vivono nella paura. La maggior parte di loro è lontano da casa per proteggere la vita dopo l’attacco. Preghiamo per gli aggressori in modo che cambino mentalità e la nostra gente possa vivere lì in pace”.

Il Rev. Sarker chiede sicurezza per i propri fedeli. Ha riferito che le persone della comunità cristiana di Suandrapara pregavano dal 2005 in una piccola casa. Ma i buddisti radicali non l’hanno presa bene quando i membri della chiesa locale hanno costruito un edificio della in mattoni e lamiera. Ha fatto rabbia. Ora minacciano perché tornino alla loro vecchia religione.

Il Bangladesh è un Paese a maggioranza musulmana con 166 milioni di persone, di cui solo lo 0,4% sono cristiani. Missionari locali e stranieri predicano la Parola di Dio in diverse parti del Paese. I nuovi credenti spesso affrontano la persecuzione da parte delle persone della loro vecchia comunità di fede.

Fonte : Asia