Eragon, ecco 5 curiosità che forse non conoscete sul celebre flop

Questa sera su Nove torna in onda Eragon, pellicola fantasy del 2006 che avrebbe dovuto lanciare il franchise tratto dai romanzi di Christopher Paolini sul grande schermo, ma che invece si è tramutato in un gigantesco flop di critica e pubblico. Scopriamo dunque cinque curiosità su questa produzione.

  • Il film è stato pubblicizzato come “il primo capitolo della trilogia dell’eredità”, anche se a quel tempo il terzo libro non era ancora stato annunciato. Nell’anno successivo all’uscita del film, l’autore Christopher Paolini ha rivelato che il capitolo finale sarebbe stato diviso in due parti, trasformando la trilogia nel “ciclo dell’eredità”.
  • Eragon è tuttora il primo e unico film diretto da Stefen Fangmeier. Prima del suo disastroso esordio alla regia, quest’ultimo era noto principalmente per aver lavorato agli effetti speciali di pellicole leggendarie come Terminator 2 e Jurassic Park.
  • Il ruolo del saggio Brom (Jeremy Irons) è stato offerto anche a Ian McKellen e Patrick Stewart, ma entrambi erano già impegnati con le riprese di X-Men: Conflitto Finale.
  • Eragon è stato l’ultimo film di rilievo a venire pubblicato in VHS negli Stati Uniti.
  • Emily Blunt non è riuscita ad ottenere la parte di Arya. Tuttavia, il suo provino ha attirato l’attenzione di un casting director che successivamente le ha permesso di recitare nel film che ha lanciato definitivamente la sua carriera a Hollywood, ovvero Il diavolo veste Prada.

Vi ricordiamo che di recente Paolini ha portato all’attenzione di Disney la possibilità di realizzare un remake di Eragon sotto forma di serie TV, anche se al momento la compagnia non si è ancora espressa ufficialmente su questa possibilità.

Per altri approfondimenti, vi rimandiamo ai motivi dietro al flop di Eragon.

Fonte : Everyeye