Il Signore degli Anelli, un Hobbit stava per essere ucciso: lo racconta Dominic Monaghan

Come è possibile continua a constatare dopo vent’anni dalla loro uscita originale, i tre film de Il Signore degli Anelli di Peter Jackson sono sempre stati elogiati per la loro fedeltà al materiale letterario originale scritto da J.R.R. Tolkien, anche se tuttavia agli inizi si era pensato a qualche cambiamento.

Nelle primissime battute iniziali, infatti, scopriamo che tra le idee sul tavolo c’era anche quella di uccidere uno dei quattro Hobbit protagonisti, che sono Frodo, Sam, Pipino e Merry. A raccontare la storia della possibile ma poi scartata dipartita di uno degli Hobbit è stato l’interprete di Merry, Dominic Monaghan, secondo cui “Peter Jackson a un certo punto si ritrovò sotto pressione dai piani alti per far morire almeno uno dei quattro Hobbit della Contea, e questo nonostante nei libri sopravvivessero tutti“.

Alla fine Peter Jackson mantenne però il punto e la posizione, anche se Monaghan ha voluto ipotizzare che se si fosse mai realizzata tale ipotesi, probabilmente sarebbe stato il suo Merry a morire. Lo ha detto ai microfoni di IGN:

È cosa buona e giusta che tutto questo non sia accaduto, anche perché sono sicuro sarei stato io. Sicuramente. Non c’era modo che uccidessero Frodo o Sam, e gli unici sacrificabili sarebbero stati Merry e Pipino, e quest’ultimo aveva una storia troppo importante con Gandalf. Avrebbero ucciso Merry, sicuro“.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti.

Fonte : Everyeye