Il figlio di Abramovich è a Milano per convincere Lukaku: 130 milioni per l’Inter

29 Luglio 2021

Roman Abramovich da giorni ha spedito il figlio in un lussuoso albergo di Milano per intavolare una trattativa serrata con l’entourage di Lukaku: sul piatto c’è un ingaggio da 10 milioni a stagione. Per l’Inter sono pronti subito 100 milioni, che possono arrivare a 130. In alternativa nell’operazione può entrare il cartellino di Timo Werner.

0 CONDIVISIONI

È assalto a Romelu Lukaku: senza segreti né tattiche di posizione. Il Chelsea spinge fortissimo per portarsi a casa l’uomo simbolo dell’Inter scudettata, il gigante buono trasformato da Antonio Conte in un bomber spietato. Il belga, appena tornato dalle vacanze dopo gli Europei, ha già manifestato la propria volontà di restare a Milano: la corrispondenza di amorosi sensi con i tifosi nerazzurri è qualcosa di molto sentito dal 28enne di Anversa.

Ed è proprio la volontà del giocatore lo scoglio maggiore per il club di Roman Abramovich, che da giorni – svela il Corriere della Sera – ha spedito il figlio in un lussuoso albergo di Milano per intavolare una trattativa serrata con l’entourage di Lukaku, mettendo sul piatto un ingaggio da 10 milioni a stagione, a fronte dei 7,5 percepiti adesso dall’Inter. Per ora l’Inter non è coinvolta nella trattativa, ma qualora il giocatore dovesse cambiare idea, per le casse nerazzurre sono pronti 100 milioni di euro, cifra peraltro suscettibile di ulteriore rilancio, fino ad arrivare a 130 milioni.

Una formula di pagamento che potrebbe anche essere rimodulata, abbassando il denaro cash ed inserendo nell’operazione il cartellino del 25enne attaccante tedesco Timo Werner. È chiaro infatti che in caso di cessione di Lukaku, l’Inter dovrebbe rimpiazzarlo con un nome di peso: l’atalantino Duvan Zapata sarebbe il primo della lista. Il Chelsea dopo 8 anni ammette dunque l’enorme errore di valutazione fatto cedendo il belga all’Everton per una trentina di milioni e rilancia con grande potenza di fuoco per riportarlo a Stamford Bridge.

Un desiderio fortissimo che tuttavia ad ora non è ricambiato da Lukaku: l’attaccante non si smuove dal rifiuto a lasciare l’Inter, cui è grato per averlo tolto dalla difficile situazione in cui era precipitato nel Manchester United. Inoltre un ritorno in Premier non lo stimola, ritenendo di aver già dato nel decennio scorso. Insomma per fare cambiare le cose servirebbero ben più dei 10 milioni all’anno messi sul piatto e non è detto che bastino.

0 CONDIVISIONI

Fonte : Fanpage