Morte De Donno, sui social dilagano le teorie del complotto: “L’hanno zittito”

Morte De Donno: sui social network fioriscono numerose teorie del complotto sul suicidio del medico, che sarebbe stato messo a tacere per la sua cura con il plasma iperimmune

 

Ieri pomeriggio Giuseppe De Donno, ex primario di pneumologia dell’ospedale Carlo Poma di Mantova, si è tolto la vita. Il medico era diventato celebre per essere stato il primo a utilizzare le trasfusioni di plasma iperimmune per la cura del Covid-19, soprattutto nei casi più gravi. La terapia non è stata accolta con grande favore da parte della comunità scientifica ma una parte dell’opinione pubblica lo riteneva un eroe per aver trovato una cura economica, efficace e per alcuni un’alternativa migliore al vaccino (QUI IL RICORDO DI DIEGO FUSARO).

Il corpo di De Donno, che nei primi giorni di luglio si dedicava alla professione di medico di base a Porto Mantovano dopo essersi licenziato dall’ospedale di Mantova, è stato trovato da alcuni parenti. Le circostanze del suicidio non sono ancora state chiarite e su social network impazzano le teorie del complotto. Per la maggior parte comunque gli utenti sono convinti che De Donno si sia suicidato per la campagna mediatica negativa nei suoi confronti. 

Morte de Donno: “Diventerà un mistero italiano come Ustica, Italicus e l’incidente di Mattei”

“Zittito per sempre”, scrive una iscritta a Twitter lasciando intendere che il medico non si sia effettivamente tolto la vita. “Morto suicida con un due colpi alla nuca”, accusa un altro. “Un medico tenace e coraggioso cha ha avuto un ruolo importante nella lotta al Covid, sulla cui scomparsa spero sia fatta chiarezza”, afferma un terzo. “De Donno ha salvato da morte certa 58 malati terminali su 58. Se il fine non è salvare la vita il bersaglio da eliminare diventi tu”. “O lo hanno suicidato, o l’hanno indotto a farlo”, sono alcuni dei commenti più comuni comparsi su Twitter in mattinata.

Alcuni arrivano a paragonare la morte di De Donno ai grandi misteri italiani: “Posso credere a tutto, non a un suicidio Enrico Mattei”. “La morte di De Donno diventerà un mistero come Ustica o Italicus”, afferma un utente.

Fonte : Affari Italiani