Cinque molari estratti senza motivo, ora ha danni permanenti alla bocca: tre denunciati

Redazione 23 luglio 2021 18:39

Una donna di 45 anni che aveva bisogno di un apparecchio correttivo ai denti è finita vittima di una truffa che le è costata 12mila euro e un’artrosi permanente alla bocca, perché le sono stati estratti cinque molari sani. I carabinieri di Quattro Castella (Reggio Emilia) hanno denunciato due odontoiatri bolognesi e un finto dentista, che in realtà era solo il titolare di un’azienda che vende apparecchi. La vicenda è ora al vaglio della Procura di Bologna.

La donna aveva sporto denuncia dopo che nel 2013 era stata sottoposta a una serie di estrazioni in uno studio odontoiatrico di Bologna, per procedere all’impianto di un apparecchio correttivo. Un dentista le ha estratto i molari, mentre poi l’impianto è stato eseguito da un presunto medico, risultato poi essere privo di qualsiasi licenza medica.

Secondo le diagnosi fatte l’intero intervento sarebbe dovuto durare un paio di anni, salvo poi allungare i periodi di cure, e con questi le diverse parcelle sono arrivate a 12mila euro. Ma qualche mese fa, dopo anni di dolori nonostante le cure (e relative spese) la 45enne si è rivolta a un altro studio specializzato che le ha certificato come l’estrazione dei cinque molari era del tutto inutile e che quanto aveva subito le aveva ormai causato una artrosi irreversibile.

Il dentista bolognese titolare dello studio e il suo collega che ha estratto i denti dovranno rispondere dei reati di truffa e di lesioni personali, mentre il finto medico deve rispondere di esercizio abusivo della professione.

Fonte : Today