Vicoletti, cascate e la faggeta più grande del centro Italia: magia e colori di Soriano nel Cimino

Il suo nome deriva dai termini latini “Surus” che vuol dire bosco e “Ianus” che vuol dire luogo. Un luogo boscoso, dunque, con una bellissima faggeta, delle cascate suggestive e una storia da scoprire tra castelli e monumenti. Siamo a Soriano nel Cimino, borgo in provincia di Viterbo.

Meta consigliata per una gita fuori porta tutto l’anno, per staccare dalla città e recarsi in un luogo silenzioso in inverno e per trovare un po’ di fresco lontano dall’afa capitolina d’estate.

Il paesino del viterbese si presenta come un centro particolare, dalla diversa conformazione urbanistica. C’è il borgo medievale che si sviluppa intorno al Castello fatto costruire da papa Nicolò III Orsini nel XIII secolo e intorno gli ampi quartieri rinascimentali. I piccoli vicoli e le casette antiche che si affacciano su ampie distese verdi di castagni rendono Soriano un paese pittoresco che affascina chiunque lo visiti. 

Una città dalle antiche origini, un borgo che sembra sospeso nel tempo.

Cosa vedere a Soriano nel Cimino

Sicuramente vale la pena arrivare a Soriano per fare un giro tra le sue viuzze e per ammirare il Castello Orsini, edificio più rappresentativo del paesino in provincia di Viterbo. Qui si trova anche la Chiesa della Misericordia, la più antica di Soriano, tra le prime ad essere state costruite nel Medioevo. Entrando nell’edificio religioso è possibile ammirare un crocifisso del ‘700.

E’ vietato recarsi a Soriano senza fare tappa nella Faggeta Vetusta del Monte Cimino, sito Unesco dal 2017, la più grande del centro Italia con oltre 57 ettari e con alberi secolari alti anche 50 metri. Nel comune di Soriano, inoltre, si trovano anche le suggestive Cascate di Chia, una meraviglia nel cuore della Tuscia per rinfrescarsi anche nelle giornate più calde d’estate.

Cosa mangiare a Soriano nel Cimino

Sicuramente la castagna è la protagonista assoluta dell’autunno a Soriano, utilizzata anche per dolci, marmellate e anche come condimento per selvaggina. Tra i piatti tipici di Soriano nel Cimino ci sono inoltre gli gnocchi al ferro, chiamati così per il ferro da calza che viene utilizzato per la loro preparazione. Soriano è anche città della nocciola, prelibatezza da provare in questa località.

Ci sono diversi ristoranti a Soriano dove gustare i piatti della tradizione, ad esempio Ristorante Baita La Faggeta, Rottezzia Osteria, Ristorante ai Tre Scalini e La Cantina del Gusto.

Dove dormire a Soriano nel Cimino

E’ possibile anche soggiornare a Soriano nel Cimino in hotel, B&B, agriturismi situati nel borgo o negli immediati dintorni. Tra queste strutture, ad esempio, c’è l’Hotel Eremo, La Bastia Hotel & Resort, il Palazzo Calatani Resort, il Boschetto di Castagni e tante altre soluzioni interessanti. 

Come raggiungere Soriano nel Cimino da Roma

Soriano nel Cimino dista 95 km da Roma per un tempo di percorrenza di circa 1 ora e 22 minuti. Per raggiungere il borgo prendere A1dir/E35 da Via Salaria. Seguire A1dir/E35, A1/E45 e SS675 in direzione di Strada Provinciale 151 Ortana a Soriano nel Cimino. Prendere l’uscita verso Bomarzo da SS675. Seguire SP60 in direzione di Viale Cesare Battisti/SP31 a Soriano nel Cimino.

Le altre guide di RomaToday

Visitare Isola del Liri: la guida

Visitare Campodimele: la guida

Visitare Calcata: la guida

Visitare Sant’Angelo di Roccalvecce: la guida

Visitare Canterano: la guida

Visitare Subiaco: la guida

Visitare Torre Alfina – Acquapendente: la guida

Visitare Itri: la guida

Visitare Sermoneta: la guida

Visitare Caprarola: la guida

Visitare Tolfa: la guida

Visitare Colle di Tora: la guida

Visitare Posta Fibreno: la guida

Visitare Collepardo: la guida

Visitare Pico: la guida

Visitare Marta: la guida

Visitare Bolsena: la guida

Visitare Vico nel Lazio:la guida

Visitare Nerola: la guida

Visitare Cittareale: la guida

Visitare Gaeta: la guida

Visitare Sperlonga: la guida

Visitare Celleno: la guida

Visitare San Felice Circeo: la guida

Visitare Nettuno: la guida

Visitare Filettino: la guida

Fonte : Roma Today