G20 ambiente a Napoli, approvato il comunicato della prima giornata

È stato approvato il comunicato sulla prima giornata del G20 ambiente, energia e clima in corso a Napoli. Un accordo che, fa sapere il ministero della Transizione ecologica, “arriva dopo mesi di preparazione, settimane di negoziato e una no stop di due giorni”. La prima parte del vertice è stata dedicata ai temi della biodiversità e dell’economia circolare, il 23 luglio, nelle sale di Palazzo Reale, si parlerà invece di clima ed energia, i temi su cui ci sono maggiori divisioni tra i rappresentanti venti paesi.

L’obiettivo: un comunicato congiunto e ambizioso

Della necessità di “un’azione globale coraggiosa, congiunta e immediata” ha parlato il ministro Cingolani in apertura di lavori. Per questo, l’obiettivo è quello di arrivare a un comunicato congiunto anche alla fine del vertice. Un testo ambizioso, anche senza entrare in dettagli, ma che ponga basi solide in vista della Cop26 di Glasgow, la conferenza sul clima dell’Onu organizzata dal Regno Unito in collaborazione con l’Italia. 

Misure di sicurezza straordinarie

Palazzo Reale, sede del vertice, è il cuore di una zona rossa presidiata da circa 2000 uomini delle forze dell’ordine. Nella prima giornata del vertice non sono mancate le azioni dimostrative e i cortei – duecento attivisti hanno bloccato il traffico e occupato il terminal del porto – ma senza disordini.

Cos’è e perché è importante il G20

Il G20 è il foro internazionale che riunisce le principali economie del mondo. La presidenza di quest’anno è affidata all’Italia. I Paesi che ne fanno parte rappresentano più dell’80% del consumo energetico mondiale e la quasi totalità di produttori di energie rinnovabili. Tra loro ci sono anche i principali produttori di petrolio: Arabia Saudita, Stati Uniti, Russia, Canada e Cina.

Fonte : Sky Tg24