Aquaman 2, James Wan spiega perché ha deciso di tornare alla regia del sequel

In una recente intervista con IGN, il regista James Wan ha avuto modo di spiegare le sue motivazioni dietro al suo ritorno alla regia dell’attesissimo Aquaman and The Lost Kingdom, sequel del campione d’incassi DC Films del 2018 attualmente in produzione in diverse località internazionali.

Queste le parole del regista:

C’è un motivo per cui non faccia mai più di tre film dello stesso franchise. Sarebbe una fortuna già riuscire a girare un sequel. Dopo, comunque, mi annoio e voglio fare qualcosa di diverso. Direi che la cosa che mi ha davvero entusiasmato nel tornare alla regia di Aquaman 2 è che penso che la storia sia degna e superiore a quella del primo film. Poi quando aiuto a modellare determinati personaggi finisco per innamorarmene, e mi sento come se non avessi ancora finito con loro. Quindi c’è sempre almeno un’altra storia da raccontare, da parte mia”.

Ricordiamo che inizialmente James Wan aveva anche annunciato uno spin-off horror di Aquaman, The Trench, incentrato sulle micidiali creature marine introdotte nel primo episodio, ma qualche mese fa la DC Films ha annunciato di aver annullato i lavori sul progetto.

Per altri approfondimenti vi ricordiamo che Aquaman and the Lost Kingdom verrà girato con il titolo di lavorazione “Necrus”, che secondo alcuni potrebbe rappresentare un importante indizio sulla trama: Necrus, infatti, è il nome di una città sottomarina che, al contrario di Atlantide, esiste solamente per dei brevi intervalli di tempo e non può mai essere trovata due volte nella stessa posizione, questo per via di un satellite alieno che vaga per la galassia ed entra periodicamente nell’orbita terrestre. Sarà proprio Necrus il misterioso ‘regno perduto’ anticipato dal titolo?

Ricordiamo che nel cast torneranno Patrick Wilson, Amber Heard, Willem Dafoe e Yahya Abdul-Mateen II.

Fonte : Everyeye