Funerali Nadia Toffa, la diretta: in centinaia al Duomo. Don Maurizio: “Amata e odiata come Gesù”

L’arrivo nel Duomo per i funerali del feretro di Nadia Toffa, la giornalista e conduttrice de ‘Le Iene’, morta il 13 agosto a 40 anni per un male incurabile, Brescia, 16 agosto 2019. ANSA/SIMONE VENEZIA

Sono in corso nel Duomo di Brescia i funerali di Nadia Toffa, conduttrice delle Iene scomparsa nella mattina di martedì 13 agosto a seguito di una lunga battaglia contro il cancro. A celebrare le esequie don Maurizio Patriciello, parroco di Caivano (Napoli), noto per il suo impegno nella zona nota come ‘Terra dei Fuochi’, a cui la giornalista ha dedicato alcuni dei suoi servizi più celebri. Poco prima dei funerali, Davide Parenti, ideatore del programma Mediaset, ha deposto una cravatta nera, simbolo della redazione delle ‘Iene’.

Funerali Nadia Toffa, l’omelia di Don Maurizio: “Amata e odiata come Gesù”

Stamattina in centinaia si sono recati fuori dal Duomo per dare l’ultimo saluto a Nadia. Gente comune arrivata da tutta Italia col desiderio di omaggiare la giornalista, tra le inviate più amate del programma di Italia Uno. Qualche minuto prima delle 10.30, un lungo applauso ha accompagnato l’ingresso nella cattedrale del feretro bianco, ricoperto di rose. Presenti praticamente tutti i colleghi delle Iene.  “Per me oggi celebrare questa messa è molto difficile ma noi abbiamo un debito di riconoscenza nei confronti di questa ragazza – ha detto don Patriciello nel corso dell’omelia – Nadia sei stata capace di mettere l’Italia in subbuglio in questi giorni, di unire il nord con al sud”. ”Tu sei stata amata perché hai amato la verità. Sei entrata nel cuore di tutti – ha continuato – Nadia non è stata solo stimata e apprezzata ma anche amata. Perché Nadia i social in questi giorni hanno parlano solo di te? Perché? Perché sei stata autentica, cocciuta, tosta, coraggiosa, una ‘Iena’ ma anche una colomba. Sei stata forte ma a me non me la dai a bere… Sei stata anche fragile. Nadia è arrivata là dove la gente era più maltrattata, bistrattata, dimenticata, è arrivata nella mia terra, la terra dei fuochi”, ha ricordato don Patriciello. 

“Nadia – ha aggiunto – era dalla parte dei più deboli, dalla parte degli scarti della società. Certo aveva dei nemici, ma se tutti parlassero bene di voi preoccupatevi. Anche Gesù Cristo è stato messo in croce perché lui la testa non l’ha piegata mai. Quando vi mettete contro qualcuno, quando dite la verità, qualcuno ve la farà pagare. Nadia hai saputo fare del tuo lavoro una missione”. “Hai avuto il coraggio di chiamare il cancro con il suo vero nome dando coraggio a tanti malati oncologici. Qui ci sono tante mamme della terra dei fuochi, mamme che hanno dovuto accompagnare al Campo Santo i loro bambini”, ha concluso.

Anche il vescovo di Brescia Pierantonio Tremolada ha inviato un messaggio. “In punta di piedi ma con sincero affetto vorrei farmi vicino ai familiari di Nadia Toffa, condividere per quanto mi è possibile il loro grande dolore – si legge – ‘Mi affianco ai suoi colleghi di lavoro e alle tante persone che l’hanno conosciuta per rendere onore al suo indomito coraggio, al suo sorriso gentile, alla sua lotta contro la disonestà, ma soprattutto alla sua passione per la vita vera”.

Nadia Toffa, l’autore delle Iene Davide Parenti: “Lei sapeva che sarebbe finita così. Era drammatico”

In centinaia alla Camera Ardente

Nei giorni scorsi centinaia di persone in modo ordinato e silenzioso si sono recate alla camera ardente allestita presso il teatro Santa Chiara di Brescia per dare l’ultimo saluto a Nadia. Tra i primi ad arrivare la mamma, insieme alla nipote Alice, poi Omar Pedrini, cantautore bresciano ed amico di sempre. Visibilmente commosso Davide Parenti, autore televisivo e ideatore del programma ‘Le Iene’ che non ha voluto rilasciare nessuna dichiarazione. 

Cara piccola grande Nadia, figlia amata, adorata sorella, dolcissima zia, guerriera potente in ogni sfida, coraggiosa anche nell’ultima, la più difficile. Non ci sono parole per dire il vuoto che lasci in tutti noi. Si spegne con te una luce calda, cristallina, ma rimane tutto l’amore che ci hai donato, resta ciò che hai costruito con tanta dedizione e determinazione per noi, per tanti. Siamo forti della tua forza. Già un angelo in vita, ora sei libera e serena nell’Amore più grande. Riscaldati dall’abbraccio di tutti❤️🙏🏿

Un post condiviso da nadia toffa (@nadiatoffa) in data:

Fonte : Today