J.J. Abrams produrrà una docuserie sugli Ufo

Mentre negli Stati Uniti si riaccende l’interesse per gli oggetti volanti non identificati, il creatore di Lost firmerà una serie documentario che esplorerà i risvolti politici e culturali della caccia agli alieni

J.J. Abrams è infaticabile: non pago di aver portato a compimento negli anni scorsi l’ultima trilogia di Star Wars, in questi mesi sta lavorando a diversi progetti, a partire dalla serie Hbo Demimonde, dai titoli per Hbo Max Justice League Dark e Overlook, e un film per le sale che dovrebbe avere come protagonista il primo Superman black. In queste ore, poi, è stato annunciato che l’ideatore di Lost sarà anche il produttore esecutivo di una docuserie pensata per il canale americano. Titolo: Ufo. E proprio sugli oggetti volanti non identificati si concentreranno le puntate in arrivo negli Stati Uniti il 23 agosto.

Il progetto, diretto da Mark Monroe (Icarus) e Paul Crowder (Riding Giants), esplorerà le “teorie più sconvolgenti” che nel corso degli anni hanno attirato l’interesse di politici e grandi industriali, ma anche di persone comuni che, nella ricerca della verità, sono state spesso emarginate o ridicolizzate. In particolare, gli episodi esamineranno “l’influenza clandestina che il governo americano, ricche aziende private e l’esercito hanno avuto nello schermare la verità dietro ai fenomeni extraterrestri”, vivisezionando il fenomeno però anche dal punto di vista culturale e politico. Non è chiaro quanto la docuserie abbraccerà le teorie complottiste, ma promette di mandare in onda “dichiarazioni scioccanti di testimoni oculari”.

Negli scorsi mesi negli Stati Uniti c’è stata una vera e propria rinascita dell’interesse nei confronti degli Ufo, dopo che l’ex presidente Barack Obama ha fatto alcune dichiarazioni in tv in cui sembrava dare credito agli incontri avvenuti fra la Marina e le creature extraterrestri. Sempre in queste ore, poi, la Commissione per l’Intelligence della Camera americana dovrebbe ricevere un report secretato sugli avvistamenti di quelli che sono chiamati ufficialmente Uap (Unidentified Aerial Phenomenon): per alcuni i contenuti di questa relazione porteranno a rivelazioni eclatanti, mentre altri, compreso il New York Times, parlano di documenti inconcludenti e di spiegazioni banali. Di certo, cosa che farà anche la docuserie di Abrams, le domande che ci poniamo sugli Ufo – un po’ come ha insegnato X-Files – ci dicono qualcosa di più ampio rispetto a quello in cui vogliamo credere.

Fonte : Wired