A New York è stata dedicata una via a Stan Lee

Il papà di casa Marvel è stato onorato con un’intera via nei luoghi in cui è cresciuto e ha studiato. Collocata in University Avenue, fra Brandt Place e West 176th Street, ora avrà il nome di Stan Lee Way

L’eredità artistica di Stan Lee è destinata a durare ancora a lungo. Il fondatore di Marvel non ha solo lasciato un segno indelebile su un numero infinito di fumetti, ma ha anche contribuito a creare molti dei personaggi che stanno animando il Marvel Cinematic Universe al cinema e in televisione. La sua scomparsa nel novembre 2018, nonostante l’età avanzata (stava per compiere 96 anni), ha lasciato un grande vuoto negli amanti delle storie fantastiche. Sono stati innumerevoli i tributi che ne hanno onorato la memoria e che ancora oggi gli vengono rivolti: ultima in ordine di tempo è la dedicazione di una strada nella città di New York, proprio nei luoghi in cui è nato.

Negli scorsi giorni, infatti, si è tenuta nel Bronx la cerimonia ufficiale in cui gli è stata dedicata un’intera via: la strada, collocata in University Avenue, fra Brandt Place e West 176th Street, ora avrà il nome di Stan Lee Way. A collaborare all’inaugurazione sono stati gli studenti dei corsi d’arte della Dewitt Clinton High School, lo stesso istituto scolastico che Lee aveva frequentato da adolescente e in cui aveva sviluppano l’amore per le storie e le narrazioni fantastiche. Stan Lee è nato a Manhattan, ma la sua famiglia si trasferì al 1720 di University Avenue quando lui era adolescente. Proprio il periodo alla Dewitt Clinton fu fondamentale per la sua formazione, soprattutto grazie ad alcuni concorsi di scrittura creativa che vinse con estrema facilità per settimane di fila, spingendolo a cercare una carriera professionale nel mondo della sceneggiatura.

Sebbene si fosse poi trasferito a Los Angeles, la città di New York ha sempre avuto un posto particolare nel cuore del fumettista, e non è un caso che alcuni degli eroi che ha contribuito a creare, come Spider-Man, Doctor Strange e i Fantastici 4, trovino nella Grande Mela la loro città d’elezione. Ora i luoghi della sua giovinezza diverranno sicuramente un luogo di pellegrinaggio per i tanti appassionati della Casa delle meraviglie.

Fonte : Wired