Gianna Nannini, da “romanza” a “Sei nell’anima”: cinque canzoni da ascoltare

L’artista senese, che compie oggi 67 anni, in quasi mezzo secolo di carriera ha collezionato una serie di successi. Timbro unico, rock che strizza l’occhio al pop e testi impegnati. Ecco alcuni dei pezzi che l’hanno resa una delle voci più apprezzate del panorama musicale italiano

Sessantasette anni e quasi mezzo secolo di carriera. Il 14 giugno è il compleanno di Gianna Nannini, l’artista senese, classe 1954, che poco più che maggiorenne lasciò la città del Palio per inseguire il sogno di diventare una cantante a Milano. Un viaggio che non è stato affatto vano per colei che è diventata una delle voci più apprezzate della musica italiana. Timbro unico, rock che strizza parecchio l’occhio al pop e testi parecchio impegnati su tematiche sociali ma anche intimistiche. Ecco cinque pezzi per ricostruire il suo percorso musicale, selezione ardua data la vasta produzione della cantante toscana.

Fotoromanza – 1984

I concerti dell’estate 2021: le date di giugno, luglio e agosto. FOTO

Il primo successo di Gianna Nannini è America del 1979, ed è già un peccato non partire da lì. Ma l’esplosione arriva a metà degli anni Ottanta. Il pezzo che la fa conoscere praticamente a tutti è Fotoromanza, uscito nel luglio 1984, brano con cui vince anche il Festivalbar. Chi non ha mai cantato o quantomeno ascoltato la strofa che fa “questo amore è una camera a gas”?

[embedded content]

Un’estate italiana (Notti Magiche) – 1990

Gianna Nannini in concerto: annunciate le date del tour 2021

Da Fotoromanza in poi, Gianna Nannini è in totale ascesa. Profumo, Bello e impossibile, I maschi sono altri capisaldi della sua carriera. Ma un’altra svolta a livello di popolarità arriva nel 1990 con Un’estate italiana, conosciuta da tutti o quasi come Notti magiche, la canzone dei mondiali di calcio Italia ‘90. “Inseguendo un gol”, Gianna Nannini e Edoardo Bennato trovano un successo internazionale.

[embedded content]

Meravigliosa creatura – 1995

Meravigliosa creatura, anzi meravigliose creature. Perché un altro dei capolavori dell’artista senese ha una doppia vita. La prima versione esce nel gennaio 1995 ed anticipa di un mese la pubblicazione dell’album Dispetto. Nel 2004, con un nuovo arrangiamento (solo pianoforte), il brano viene inserito nel disco Perle. Scelta, quest’ultima versione, come colonna sonora per lo spot di un’auto, Meravigliosa creatura rinasce e ritorna in vetta alle classifiche.

[embedded content]

Amandoti – 2004

[embedded content]

Sei nell’anima – 2006

[embedded content]

Fonte : Sky Tg24