Ned Beatty, addio alla star di Superman e Toy Story

Uno dei caratteristi veterani di Hollywood, Ned Beatty, è scomparso all’età di 83 anni. L’attore, con all’attivo centinaia di credit in carriera, è scomparso nel sonno nella giornata di domenica, come riporta TMZ. Non sono stati diffusi ulteriori dettagli sulla scomparsa di Beatty ma è stata esclusa la correlazione con il COVID-19.

Ned Beatty debuttò al cinema nel film Un tranquillo week-end di paura al fianco di Jon Voight e Burt Reynolds. Appena quattro anni dopo il suo debutto cinematografico, Beatty ha interpretato Arthur Jensen in Quinto potere di Sidney Lumet, probabilmente il suo ruolo più famoso, una black comedy su una rete televisiva immaginaria e gli indici d’ascolto. Per il suo ruolo nel film, Beatty ha ottenuto la sua prima e unica nomination all’Oscar. Ha continuato a recitare in dozzine di altri progetti nel corso degli anni ’70 tra cui Superman e Superman II, dove ha partecipato nel ruolo della spalla di Lex Luthor, Otis.

Nato nel 1937, Beatty ha recitato fino ai 70 anni, apparendo sia in film che in serie tv. Ha partecipato anche al doppiaggio di Toy Story 3 – La grande fuga – qua trovate la nostra recensione del terzo capitolo di Toy Story – nel ruolo del villain Lotso. Ha doppiato anche il sindaco John in Rango di Robert Zemeckis.
Sul piccolo schermo ha partecipato ad alcuni dei più grandi classici, tra cui Kojak, MASH, Hawaii Five-O, CSI e Law & Order.
La sua esperienza più significativa in tv rimane quella di Stanley Bolander in Homicide, dov’è apparso in 33 episodi.

Su Everyeye trovate la recensione di Superman, diretto da Richard Donner.

Fonte : Everyeye