Coronavirus, il bollettino di oggi lunedì 14 giugno: 36 morti, crollano i nuovi casi (907) ma sale la paura per i focolai della variante delta

Coronavirus, il nuovo bollettino coronavirus del Ministero della Salute di oggi lunedì 14 giugno 2021 registra 907 su appena 79.524 test. Le vittime nelle ultime ventiquattro ore sono 36. L’ultimo bollettino coronavirus di ieri domenica 13 giugno registrava 1.390 contagi su 134.136 tamponi tra molecolari e antigenici, 26 le vittime, negli ospedali si trovano attualmente ricoverate 3.542 persone in reparti non critici, 565 in terapia intensiva. 

Se i numeri sono in calo desta preoccupazione l’arrivo in Italia della variante delta (la mutazione del coronavirus registrata per primo in India): era questione di tempo e così un caso è stato rivelato nel weekend a Milano, ben 15 in Emilia Romagna nell’ultima settimana. In Inghilterra – dove la variante è predominante soprattutto nel nordovest – il calendario è tornato indietro a Marzo con una media di 100 contagi ogni 100mila persone. Un nuovo studio pubblicato su Lancet ha rivelato che il rischio di ricovero in ospedale dopo essere rimasti contagiati con la variante indiana è quasi doppio rispetto a quello della variante inglese, ma due dosi di vaccino forniscono comunque contro di essa una forte protezione, sebbene inferiore. Tra i sintomi specifici mal di testa, mal di gola e naso che cola, laddove invece i sintomi più comuni del coronavirus nelle altre varianti sono rappresentati da tosse, febbre, perdita dell’olfatto e del gusto. Questi sintomi potrebbe spingere le persone a uscire di casa comunque, diffondendo così il contagio.  

Tutte le ultime notizie di oggi

Ma veniamo dunque ai dati di oggi.

Coronavirus, il bollettino di oggi lunedì 14 giugno 2021

articolo aggiornato alle ore 18:10, clicca qui per aggiornare la pagina 

  • Nuovi casi: 907
  • Casi testati: 23989
  • Tamponi (diagnostici e di controllo): 79.524   
    • molecolari: 44492 di cui 887 positivi pari al 1.99%
    • rapidi:  35032 di cui 20 positivi 
  • Attualmente positivi: 157.790
  • Ricoverati: 3.465, -77
  • Ricoverati in Terapia Intensiva: 536, 11 nuovi, 29 in meno di ieri
  • Deceduti dopo un tampone postivo: 127.038
  • Totale casi positivi dall’inizio della pandemia: 3.960.951
  • Totale Dimessi/Guariti: 4.245.779
  • Vaccinati: 14.070.044 persone pari al 25.9% della popolazione con più di 12 anni, 42.245.192 le dosi somministrate ovvero l’92% delle 30.651.132 dosi consegnate da Pfizer, delle 4.177.415 consegnate da Moderna e dei 9.175.360 vaccini AstraZeneca e 1.742.000 le monodosi Janssen prodotti da Johnson & Johnson. Sul sito del Governo il report aggiornato dei vaccini. Ieri somministrate 402mila dosi 
  • Chi è stato vaccinato. La campagna vaccinale ha coinvolto ad oggi 14 giugno 2021: l’83% degli over 80, il 40% dei settantenni, e il 33% dei sessantenni, il 23% dei cinquantenni, il 15% dei quarantenni, il 13% dei trentenni e il 10% dei ventenni e l’1% degli adolescenti completamente vaccinati con una doppia dose o con una dose unica di JJ.

Il bollettino coronavirus di oggi lunedì 14 giugno 2021 (Pdf)

bollettino coronavirus oggi 14 giugno 2021-3

I focolai di coronavirus: i dati regione per regione

Ecco gli aggiornamenti in diretta dalle singole regioni iniziando dalle situazioni più calde.​

Qui potete scaricare il modulo di autocertificazione per gli spostamenti 

Le zone in area gialla***:

  • Valle d’Aosta: 2 nuovi casi e nessun decesso. Saldo ospedalizzati: ricoveri (3), vuote le terapie intensive
  • Alto Adige: nessun nuovo caso
  • Marche: 3 nuovi casi
  • Toscana: 82 nuovi casi e 3 decessi. Saldo ospedalizzati: Ti -3 (63), ricoveri -8 (253(
  • Campania: 80 nuovi casi e 5 decessi. Saldo ospedalizzati: Ti -5 (24), ricoveri -31 (379)
  • Basilicata: un nuovo caso
  • Calabria: 18 nuovi casi e 4 decessi. Saldo ospedalizzati: Ti -1 (8), ricoveri -2 (146)
  • Sicilia: 163 nuovi casi

***Che cosa si può fare in zona gialla.
Fino al 15 giugno un solo spostamento una volta al giorno verso un’abitazione privata, in un massimo di 4 persone. Scuole aperte, superiori in presenza almeno al 70%. 

Le zone in area bianca****:

  • Piemonte: 87 nuovi casi
  • Liguria: 5 nuovi casi e un decessi. . Saldo ospedalizzati: Ti (12), ricoveri -4 (55)
  • Lombardia: 102 nuovi casi
  • Trentino: 2  nuovi casi
  • Veneto: 19 nuovi casi e nessun decesso in 48 ore. Saldo ospedalizzati: stabili (Ti 52, ricoveri 444)
  • Friuli Venezia Giulia: 4 nuovi casi e nessun decesso. Saldo ospedalizzati: Ti (4), ricoveri (9)
  • Emilia Romagna: 137 nuovi casi e un decesso (68enne di Modena). Saldo ospedalizzati: ti stabili (62), ricoveri +3 (291). Nell’ultima settimana sono stati registrati 15 casi di variante indiana su 855 casi positivi (il numero più basso da ottobre). 
  • Umbria: 4 nuovi casi e nessun decesso. . Saldo ospedalizzati: Ti +1 (5), ricoveri -3 (41)
  • Abruzzo: 5 nuovi casi e nessun decesso. Saldo ospedalizzati: Ti stabili (4), ricoveri +2 (71)
  • Lazio: 111 nuovi casi (mai così pochi da agosto 2020) e 6 decessi. Saldo ospedalizzati: Ti -4 (94), ricoveri +4 (454)
  • Molise: nell’ultima settimana registrati 26 casi. Oggi per la terza settimana in zona bianca con dati stabili. In ospedale restano 8 i pazienti ricoverati, vuote le terapie intensive e nell’ultima settimana nessun decesso.
  • Puglia: 47 nuovi casi e 2 decessi. Saldo ospedalizzati: ricoveri -1 (283)
  • Sardegna: 31 nuovi casi e nessun decesso. Saldo ospedalizzati: Ti +1 (6), ricoveri -4 (83)

****Che cosa si può fare in zona bianca.
Decade il coprifuoco. Le attività di ristorazione avranno la possibilità di apertura serale fino alle 23, i bar fino alle 21. Aperti nei fine settimana anche i centri commerciali. Riaprono musei, teatri, cinema, palestre, piscine e università.

regioni zone bianche italia

Da un mese non c’è nessuna regione in area rossaChe cosa si può fare in zona rossa.
Gli spostamenti permessi solo per validi motivi dalle 5 alle 22, sempre con autocertificazione. Vietato anche andare i visita dagli amici/parenti. Scuole aperte fino alla prima media. Le lezioni di seconda e terza media, licei, istituti tecnici si svolgono esclusivamente in modalità a distanza.

Da tre settimane non c’è nessuna regione in area arancioneChe cosa si può fare in zona arancione.
Gli spostamenti sono permessi dalle 5 alle 22, autocertificazione per uscire dal proprio comune. Scuole aperte, ma licei e istituti tecnici in Dad almeno al 50 per cento. Per bar e ristoranti asporto dalle 5.00 alle 18.00 senza restrizioni. ono chiusi tutto il giorno, consentito l’asporto. Aperti invece i negozi, i parrucchieri e i centri estetici. Consentito lo sport non di contatto come il tennis

Cosa cambia con le nuove regole

  • Il coprifuoco a mezzanotte fino al 21 giugno. In zona gialle le visite ad amici o parenti sono inoltre consentite, dalle 5 alle 24, a un massimo di 4 persone
  • Le discoteche per ora restano chiuse, o meglio: possono aprire ma soltanto per sfruttare la licenza dei bar e dei ristoranti.
  • Ok ai matrimoni in zona bianca ma sposi e invitati dovranno presentare la certificazione relativa al vaccino, all’avvenuta guarigione o un tampone negativo. Domani ripartono anche nelle zone gialle i ricevimenti per cerimonie religiose o civili  
  • Nelle zone gialle le piscine al chiuso, i centri benessere e le terme restano chiuse fino al 1 luglio.
  • Anche in zona bianca restano vietate le docce sia nelle palestre che nelle piscine (tranne in terme e nei centri benessere)
  • In zona bianca aperti i parchi a tema, i centri termali, le sale gioco, bingo e casinò.
  • In zona bianca i bar, i ristoranti e le altre attività di ristorazione sono aperti ed è possibile consumare cibi e bevande anche al chiuso e senza limiti orari. Consentite senza restrizioni anche la vendita con asporto di cibi e bevande
  • Gli spostamenti sono consentiti senza limiti di orari. Dalle zone bianche si può fare rientro alla propria seconda casa situata in zona arancione o rossa e se si è in possesso di una certificazione verde Covid-19. 
  • In zona bianca è consentito andare a far visita a parenti o amici senza limiti di orario o numero di persone che si spostano
  • Per chi si trova in quarantena o in isolamento vige il “divieto assoluto” di uscire di casa. Per chi si trova in quarantena precauzionale qualora sia stato identificato come contatto stretto di caso Covid-19 è consentito uscire, utilizzando un mezzo privato, esclusivamente al fine di effettuare gli accertamenti diagnostici prescritti dal medico
  • Le mascherine restano obbligatorie sia all’aperto che al chiuso in luoghi diversi dalla propria abitazione, fatta eccezione per i casi in cui è garantito l’isolamento continuativo da ogni persona non convivente. 

Coronavirus, le ultime notizie

Come va la pandemia

Di fronte a un’allarmante crescita di nuovi casi Covid-19 causati dalla variante indiana (o ‘delta’, come l’ha battezzata l’Oms), il premier britannico, Boris Johnson, stasera alla nazione chiederà ancora pazienza e annuncerà il rinvio di quattro settimane in Inghilterra del ‘Freedom Day’ (il 21 giugno era la data originariamente previsto l’allentamento di ogni restrizione). Il Regno Unito ha registrato ieri altri 7.490 casi, un aumento del 49% rispetto alla scorsa settimana e otto decessi. 

La variante Delta secondo uno studio pubblicato in Gran Bretagna sarebbe sei volte più contagiosa della variante inglese. Rilevato un caso in una palestra di Milano.

 [embedded content]

Fonte : Today