Stellantis e Foxconn si alleano per progettare l’auto del futuro

Accordo tra il gruppo automobilistico di cui fa parte Fiat Chrysler e il fornitore della Apple per realizzare software per la mobilità elettrica e l’auto connessa

Intel connected car(Foto: Intel)

La casa automobilistica Stellantis e la taiwanese Foxconn, la più grande produttrice di componenti elettronici in tutto il mondo, hanno raggiunto un accordo per sviluppare nuove tecnologie digitali per le automobili. Le due aziende hanno siglato una joint venture al 59% dalla quale nascerà Mobile Drive, futuro operatore del settore automobilistico che si focalizzerà sull’intrattenimento e l’informazione dei passeggeri, sulla telematica e sullo sviluppo di piattaforme cloud service per rendere i veicoli più connessi, usando applicazioni basate sull’intelligenza artificiale e le comunicazioni in 5G.

L’accordo unisce Stellantis, la quarta più grande casa produttrice di autoveicoli al mondo, formata da Fiat Chrysler e Peugeot, con Foxconn, la più grande azienda di componenti elettronici famosa anche per essere il più grande assemblatore di iPhone per Apple. La nuova joint venture rappresenta l’occasione di Foxconn di diversificare il proprio mercato e i propri guadagni, allontanandosi dalla dipendenza da Apple. Mentre per Stellantis è l’occasione per entrare nel mercato della vendita di servizi tramite applicazioni, per le automobili.

Secondo l’ad di Stellantis Carlos Tavares, riporta l’Associated press, i servizi sviluppati da Mobil Drive “segneranno la prossima grande evoluzione dell’industria automobilistica”, assieme ai motori completamente elettrici e ibridi. I software rappresentano il nuovo settore chiave per il settore automobilistico. Secondo i dati forniti al Guardian da Ubs, una banca di investimento, questo mercato si espanderà fino a 1,9 miliardi di dollari entro il 2030.

Circa 250 ingegneri sono già al lavoro per sviluppare nuovi software per Mobil Drive. Per il presidente di Foxconn Young Liu, riporta Il Sole 24 ore ,“i veicoli del futuro saranno sempre più guidati e caratterizzati dal software”. L’accordo con Stellantis non prevede la collaborazione in altri settori diversi da quello dei software, ma l’azienda di Taiwan si sta anche dedicando allo sviluppo di hardware per le auto elettriche e alla produzione di batterie a elevata capacità, in grado di garantire maggiore autonomia e tempi di ricarica più rapidi.

Fonte : Wired