Franco Battiato, il ricordo di Pippo Baudo: “Dolce, modesto, generoso, ospitale”

“Battiato era un innovatore, un ricercatore di cose sempre diverse ma belle. Non solo interprete ma anche autore raffinato, vincitore anche di un Festival di Sanremo (nel 1981, da autore di Per Elisa di Alice): un pezzo come La Cura resterà nella storia della musica di tutti i tempi. Era un uomo delicato, dolce, generoso, ospitale: sono stato ospite a casa sua a Milo, il paese più in alto sotto le pendici dell’Etna: aveva comprato un palmento, uno stabilimento agricolo nel quale si fa il vino, e aveva trasformato lo spazio in cui si pigia l’uva in una camera da letto in stile orientale. Ora me lo immagino assieme al suo amico Lucio Dalla, che aveva ospitato spesso a casa sua: si saranno sicuramente già incontrati, e adesso ci guardano e cantano le loro canzoni”.

Fonte : Sky Tg24