J-Ax, il nuovo singolo è Voglio la mamma: il testo della canzone che racconta il Covid

Torna il cantante J-Ax (le 5 canzoni più conosciute) con il suo ultimo singolo “Voglio la mamma”. Esorcizzare tramite la musica, questo è lo scopo della canzone. Scrivere un brano su quello che gli è successo senza per questo diventare, come lo definisce lui stesso, “un tristone”. Il lyrics video completo è accompagnato dai disegni che J-Ax e il figlio Nicolas hanno prodotto mentre lottavano (e, fortunatamente, guarivano) dal Covid-19. La scelta di pubblicare questo singolo solo sulle piattaforme di streaming, senza distribuirlo alle radio nazionali, rende il pezzo una sorta di “inno alla vita”, senza scopi prettamente commerciali.

Voglio la mamma, non un tormentone ma un regalo ai fan

J-Ax e sua moglie Elaina Coker: le foto del matrimonio su Instagram

Nessuna hit estiva, tantomeno la richiesta di “spaccare tutto e fare casino”, ma un omaggio dedicato a tutti quelli che, come lui, hanno dovuto affrontare il Covid-19 (LO SPECIALE – GLI AGGIORNAMENTI – LA MAPPA). Perché l’esperienza di J-Ax è un po’ la storia di tutti: la paura di morire e di perdere le persone care, ma soprattutto il terrore di lasciare il piccolo Nicolas orfano. La produzione è stata affidata a Roofio, che ha aiutato l’artista a lasciarsi andare alle emozioni e a rivivere il dolore: “Ma tu come rispondi, quando poi lui ti guarda con le lacrime agli occhi e dice voglio la mamma, perché lei è chiusa in stanza?”

Domande poste dal figlio, in forma di ritornello, a cui J-Ax prova a replicare, scacciando via i brutti pensieri utilizzando le ali della fantasia: “È solo un gioco, questa è una fortezza, devi difendere la principessa. Tu pensa a questo che ai mostri fuori di qua, ci pensa il tuo papà.”

Il testo di “Voglio la mamma”

Sputo dentro il micro

e lo benedico

il pezzo suona da paura ma io sto da schifo

cinque pungidito, sempre negativo

quaranta gradi ma mi sento chiuso

dentro a un frigo

I test rapidi danno false speranze

come chi gestisce le crisi lombarde

musica spenta, suonano solo le ambulanze

poi per un mese ho visto il vero inferno

altro che Dante

altro che i no vax e i no mask

altro che influenza, frà, è peggio crack

altro che fama, io ho famiglia e sono qui da solo

mi sento che muoio, non posso, devo pensare a loro

Ma tu come rispondi quando poi lui ti guarda

con le lacrime agli occhi, eh

e dice: “Voglio la mamma, perché l’hai chiusa in una stanza?

che cosa mi nascondi?” eh, eh

“È solo un gioco, questa è una fortezza

devi difendere la principessa

tu pensa a questo che ai mostri fuori di qua

ci penso il tuo papà”

Ma poi ti chiedi se gli stai mentendo

mamma non riesce ad alzarsi dal letto, ogni giorno sta peggio

se prova a stare in piedi sviene, vomita pranzi e cene

sento che tossisce mi si gela in sangue nelle vene

sento sbriciolarsi le mie ossa

ma il bambino colpe non ne ha colpa, devo farmi forza

di videogiochi e di YouTube non ne ha più voglia

chiede “Perché non mi fai andare a trovare la nonna?”

vedo che ha una rabbia dentro ma non sa come sfogarsi

non lo ha mai fatto prima, adesso mi dà pugni e calci

devo fargli da mangiare, il bagnetto, lavare i piatti

mentre parenti, amici in ansia mi stressano con i messaggi

e la mia mente cede, a letto non riesco ad addormentarmi

in rete la gente sembra contro vaccini e pro ristoranti

ed ero ateo, adesso prego Dio ci salvi

e poi giochiamo un po’ coi dinosauri

Ma tu come rispondi quando poi lui ti guarda

con le lacrime agli occhi, eh

e dice: “Voglio la mamma, perché l’hai chiusa in una stanza?

che cosa mi nascondi?” eh, eh

“È solo un gioco, questa è una fortezza

devi difendere la principessa

tu pensa a questo che ai mostri fuori di qua

ci penso il tuo papà”

Ci pensa il tuo papà

Ci pensa il tuo papà

Ci pensa il tuo papà

Ci pensa il tuo papà

Fonte : Sky Tg24