Zack Snyder come Ridley Scott: ha sostituito digitalmente una star di Army of the Dead!

Se ci seguite assiduamente forse saprete già che, nel corso della produzione di Army of the Dead, l’attore Chris D’Elia è stato sostituito da Tig Notaro dopo che le riprese erano già state concluse: perché non è un film di Zack Snyder se non si torna sul set a cose già fatte.

Il regista ha scelto personalmente Notaro per sostituire Chris D’Elia, dopo che quest’ultimo fu accusato da più parti di cattiva condotta sessuale: e se questa storia vi ricorda ciò che accadde tra Kevin Spacey e Ridley Scott per Tutti i soldi del mondo ci avete visto giusto, dato che Snyder ha dovuto rimuovere digitalmente D’Elia dalle scene già girate e implementare nuove sequenze con Notaro. Ma il regista ha scherzato dicendo a Vulture che l’intero processo è stato più economico del budget necessario per creare la tigre zombi Valentine.

Tig ha dovuto filmare quasi tutte le sue scene davanti ad uno schermo verde senza gli altri attori, e il mio team le ha montate nel filmato pre-esistente. Non si poteva semplicemente incollare il suo volto su quello di D’Elia, perché abbinare i loro movimenti inquadratura per inquadratura sarebbe troppo complicato e la differenza di dimensioni tra i due attori avrebbe fatto sembrare Notaro innaturalmente grande. Ho dovuto fare questo esperimento incredibilmente tecnico, ricreando ogni scena, ripresa per ripresa“, ha rivelato Snyder riguardo al processo. “Il mio supervisore agli effetti visivi, Marcus Taormina, ha portato Chris D’Elia completamente fuori dal film in modo che Tig potesse avere la libertà di muoversi all’interno delle scene.

Ancora Vulture riferisce: “Snyder e il team degli effetti visivi hanno replicato gli spazi fisici e gli angoli di ripresa delle scene originali in uno studio a Simi Valley, in California, facendo riferimento ai vecchi filmati su un monitor e utilizzando oggetti di scena resi verdi, puntatori laser e palline da tennis appese ai supporti per dare un’idea approssimativa dei punti verso cui Notaro avrebbe dovuto guardare. E non poteva esserci alcun ad-libbing: il dialogo di Notaro doveva sincronizzarsi con le reazioni degli altri personaggi“. L’unico attore con cui Notaro ha condiviso una scena è stata Ana de la Reguera, e c’è voluta mezza giornata per girare la sequenza. Ogni scena in cui il personaggio di Notaro tocca un altro personaggio è stata “mimata o filmata con il suo assistente, Patrick McDonald, che indossa un abito verde“.

Army of the Dead uscirà il 21 maggio su Netflix.

Fonte : Everyeye