Bandiere Blu, il Lazio conquista altre due spiagge: Anzio si conferma l’orgoglio del litorale romano

In meno di dieci anni il numero di bandiere blu assegnate al Lazio sono quasi raddoppiate. Dalle cinque del 2012 sono infatti diventate undici quelle che sono state conferite ai comuni della regione nel 2021. Una performance importante, nell’ottica della ripresa dell’attività turistica estiva.

Le 11 bandiere blu

“La Regione Lazio  ha 2 nuove Bandiere Blu, Minturno e Fondi, oltre alla conferma delle altre 9 spiagge, Anzio, Sabaudia, San Felice Circeo, Terracina, Sperlonga, Gaeta, Ventotene e la lacuale Trevignano – ha sottolineato l’assessora regionale al Turismo Valentina Corrado -riparTIAMOlazio anche dal turismo balneare”.Per la provincia di Roma arrivano importanti conferme. Per il lago di Bracciano, relativamente al Comune di Trevignano, è stato ottenuto per la quarta volta l’ambito riconoscimento. Ma è Anzio, per la sedicesima volta Bandiera Blu, che si conferma come la perla del litorale romano.

Anzio: l’orgoglio del litorale romano

L’ennesimo vessillo è stato salutato con comprensibile soddisfazione da Candido De Angelis, sindaco di Anzio che ha dichiarato di considerare il vessillo “un riconoscimento fondamentale per la ripresa economica e per una stagione estiva che vede Anzio con un ruolo da protagonista nel panorama turistico nazionale ed internazionale”. “Con il massimo impegno – ha aggiunto – stiamo programmando la Città di domani, attraverso un ambizioso piano di nuove opere pubbliche, fondamentale per lo sviluppo del territorio, per creare nuove opportunità di lavoro e per restituire la serenità a tanti cittadini.  

Trevignano: una dei rari comuni lacuali con la Bandiera Blu

Anche il Comune  di Trevignano, restando alla provincia di Roma, ha manifestato entusiasmo per l’ambito riconoscimento. “Siamo orgogliosi di essere premiati tra i 9 Comuni della Regione Lazio e tra le poche mete turistiche lacuali italiane – ha premesso il vicesindaco ed assessore al Turismo Luca Galloni – la selezione dei parametri di valutazione e’ sempre molto rigida e questo e’ un valore aggiunto perche’ traccia la linea di comportamento amministrativo che cerchiamo di mantenere per raggiungere ogni anno questo traguardo”. Un obiettivo che si raggiunge lavorando “365 giorni all’anno”. E che, a maggio, restituisce un po’ di ottimismo in vista dell’imminente apertura della stagione estiva.

Cos’è la Bandiera Blu

La Bandiera Blu è un riconoscimento internazionale, istituito nel 1987 Anno europeo dell’Ambiente, che viene assegnato ogni anno in 49 paesi, inizialmente solo europei, più recentemente anche extra-europei, con il supporto e la partecipazione delle due agenzie dell’ONU: UNEP (Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente) e UNWTO (Organizzazione Mondiale del Turismo) con cui la FEE ha sottoscritto un Protocollo di partnership globale e riconosciuta dall’UNESCO come leader mondiale per l’educazione ambientale e l’educazione allo sviluppo sostenibile. Bandiera Blu è un eco-label volontario assegnato alle località turistiche balneari che rispettano criteri relativi alla gestione sostenibile del territorio. Obiettivo principale di questo programma è quello di indirizzare la politica di gestione locale di numerose località rivierasche, verso un processo di sostenibilità ambientale.“
 

Fonte : Roma Today