Diabolik, arrestato il nipote: nascondeva droga a Tor Bella Monaca

Nicolò Piscitelli, nipote di Fabrizio, detto Diabolik, capo della tifoseria laziale ucciso con un colpo di pistola alla testa nel Parco degli Acquedotti, è stato arrestato per detenzione di droga ai fini di spaccio. A rendere noto il fatto fatto successo il 27 aprile scorso, alle 12.30 circa, in via dell’Archeologia, nella zona di Tor Bella Monaca, è stata la Questura di Roma.

Secondo quanto emerso, il 22enne durante un’attività investigativa e di pedinamento è stato sorpreso dalla Polizia del VI Distretto Casilino mentre nascondeva della droga in un barattolo, all’interno di un seminterrato. È così scatta una perquisizione, con gli agenti che hanno rinvenuto 39 grammi di eroina, 42 grammi di eroina e 235 euro in contanti. 

Il giovane è stato posto ai domiciliari e secondo quando emerso, aveva già precedenti per spaccio. Solamente ieri nei guai era finito Andrea Piscitelli, il fratello di Diabolik. I carabinieri di Ciampino lo avevano sorpreso in giro con una pistola calibro 9, risultata appartenente a un romano di 64 anni morto e ricercata dal 1999.

Andrea Piscitelli è stato arrestato per detenzione e porto illegale in luogo pubblico di arma comune di sparo e per ricettazione. Giovedì mattina nel corso di una direttissima il fratello di Diabolik è stato sottoposto all’obbligo di firma.

Fonte : Roma Today