Spazio, razzo cinese in caduta libera: cosa sappiamo

Il relitto spaziale viaggia senza controllo frenato solo dall’atmosfera. Secondo gli esperti alcuni frammenti potrebbero colpire l’Italia centrale e meridionale a metà della prossima settimana

Ascolta:

Your browser does not support the audio element.

Frammenti di un razzo spaziale che come piccole palle di fuoco cadranno sulla terra. Non è il nuovo colossal americano in programmazione nelle sale cinematografiche ma un fenomeno reale che potrebbe verificarsi a metà della prossima settimana. E’ infatti in caduta incontrollata verso la Terra lo stadio del razzo cinese Lunga Marcia 5B che il 29 aprile ha portato in orbita il primo modulo della stazione spaziale Tiangong.

La conferma

Il frammento di un razzo cinese è precipitato nell’Oceano Atlantico

Una notizia confermata dell’Istituto di Scienza e Tecnologie dell’Informazione del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Isti-Cnr) di Pisa che sta costantemente monitorando le orbite del razzo. Attualmente la caduta potrebbe avvenire nella fascia compresa fra 41,5 gradi a Nord e 41,5 gradi a Sud, e che comprende anche l’Italia centrale e meridionale, anche se l’orbita potrebbe subire variazioni. Dopo il lancio lo stadio del razzo è stato abbandonato nell’orbita e da allora non dà più segni di vita. L’unica influenza che riceve è il freno dell’atmosfera che lo sta spingendo verso la terra. 

I precedenti

Non si tratta della prima volta. Già lo scorso anno infatti un componente analogo dello stesso modello del più grande razzo cinese è andato in pezzi nell’impatto con l’atmosfera. I frammenti caddero sull’Africa occidentale andando a colpire alcuni villaggi, per fortuna senza gravi conseguenze. 

Mai farsi trovare impreparati

Nasa, un asteroide passerà vicino alla Terra il 6 maggio 2022

Nel frattempo gli esperti di Nasa ed Esa si stanno preparando ad affrontare un finto asteroide distante 57 milioni di chilometri che ha il il 5% di probabilità di colpire la Terra intorno al 20 ottobre 2021. Nella simulazione, organizzata nell’ambito della Conferenza sulla difesa planetaria dell’Accademia internazionale di Aeronautica,  tutti i partecipanti hanno cominciato a ricevere continui aggiornamenti sull’asteroide, la sua posizione, le sue dimensioni, la probabile area d’impatto sulla Terra.

Fonte : Sky Tg24