Settecamini, i marciapiedi sono diventati una giungla. I cittadini: “Subito sfalcio e diserbo”

Erba alta e marciapiedi impraticabili a causa della mancata manutenzione del verde in molte delle strade del quartiere. Siamo a Settecamini, periferia est del IV municipio. Nei giorni scorsi dal comitato di quartiere è stata inviata alle istituzioni la richiesta di interventi urgenti per contrastare le ‘situazioni oscene’, così definite dai cittadini, in cui versa il territorio, attuando interventi di sfalcio e diserbo. “I marciapiedi sono impraticabili a causa della vegetazione che cresce selvaggiamente creando disagi soprattutto a chi si muove con ausili per la deambulazione e alle famiglie con passeggini” hanno puntualizzato dal comitato.

Le strade che necessitano interventi di sfalcio

Da un lato all’altro del quartiere, i marciapiedi necessitano di interventi di sfalcio, l’erba ormai ha raggiunto il metro di altezza. Tra i luoghi maggiormente interessati dai disagi: via Colli sul velino, via Labro, Parco di via Montenero Sabino, via di Casal Bianco (dalla chiesetta storica del ‘700 fino alla rotatoria di Marco Simone), via Alfredo Bonaiuti, via Goffredo Parise, parco Monte Manno, viale Stefano d’Arrigo, via Attilio Bertolucci, via Carlo Cassola, via di Settecamini (in tutta la sua estensione), Parco Viale Stefano d’Arrigo, via Santa Maria dell’Olivo, via Quintiliolo, via Colleverde Piazzale mercato e area adiacente alla scuola Eugenio Montale. Non solo, anche all’angolo tra via Casalbianco e via di Settecamini, area parcheggio mercato e ancora via Roiate, via di Forno Casale, largo Paganico Sabino, via Cerchiara, via Tiburtina, dall’incrocio di Via Marco Simone fino alla rotatoria in corrispondenza di via Rubellia. Infine, via Affile, via Lanfranco Cigala, via Canterano, via Capalto, via di Salone, rotatoria via Marco Simone, via Leofreni e via Castrocielo.

Le richieste del comitato: “Lo sfalcio di 70 centimetri e un calendario di interventi”

Un’azione immediata di sfalcio e diserbo ma con caratteristiche specifiche: l’erba deve essere tagliata di almeno 70 centimetri e nelle operazioni, se possibile, dovranno essere utilizzati materiali non nocivi. Inoltre questi interventi dovranno essere preceduti da un cartello che indica le azioni programmate così da favorire l’accesso ai marciapiedi. “Si tratta di istanze pervenute dai cittadini – ha spiegato Khaty Crimeni, presidente del comitato di quartiere – A maggio, tuttavia, riprenderanno le giornate ecologiche promosse dal comitato”.

Fonte : Roma Today