The French Dispatch, il film di Wes Anderson (bloccato dalla pandemia) sarà a Cannes 2021

È ufficiale: The French Dispatch di Wes Anderson sarà a Cannes 2021 (la kermesse è prevista dal 6 al 17 luglio 2021).

Ad annunciarlo è stato il direttore, Thierry Frémaux: “Non posso rivelare ancora nessun titolo, tranne quelli che già conoscete e che erano selezionati per lo scorso anno, come The French Dispatch di Wes Anderson e Benedetta di Paul Verhoeven. Torneranno entrambi nella selezione ufficiale”.

La pellicola era attesa da tanti come film d’apertura ma al suo posto è stato scelto Annette di Leos Carax, il musical d’autore con protagonisti Adam Driver e Marion Cotillard. Con buona pace dei wesandersoniani (sembra il nome di un popolo alieno ma si riferisce all’effettivo enorme popolo non alieno all’amore nei confronti del regista, sceneggiatore e produttore cinematografico statunitense).

In standby come tante altre pellicole a causa della pandemia, The French Dispatch è l’ultima fatica di quello che potremmo definire come il maestro del manierismo contemporaneo ed è tra i titoli più attesi dell’anno. E del Festival di Cannes, anche.

L’estetica che ha inaugurato Wes Anderson con i suoi film live action di inizio millennio (sottolineiamo “live action” perché il regista si è occupato anche di varie pellicole di animazione) è uno stile molto apprezzato da chi ama il detto popolare “l’occhio vuole la sua parte”.
Non che le trame siano poi “tutto fumo e niente arrosto”, per citare un altro celebre proverbio: da I Tenenbaum a Le avventure acquatiche di Steve Zissou, da Il treno per il Darjeeling a Moonrise Kingdom e Grand Budapest Hotel, tutte le opere “pittoriche” incorniciate dal grande schermo che portano la firma di Wes Anderson hanno anche un “signor soggetto”. E, più che olio su tela, potremmo definirle “pastelli su carta porosa” (chi ama l’arte wesandersoniana visceralmente capirà, eccome se capirà).

The French Dispatch of the Liberty, Kansas Evening Sun

Fonte : Sky Tg24