Napoli, le auto elettriche possono entrare nelle Ztl, i quadricicli no: dimenticati dal Comune

A Napoli le auto elettriche possono circolare liberamente nelle Ztl e parcheggiare gratis sulle strisce blu, i quadricicli elettrici no. Questi ultimi, purtroppo, non sono contemplati nella delibera del Comune 457 del 22 dicembre scorso, che ha prorogato fino al 31 dicembre 2021 le agevolazioni previste per i veicoli smart a basso impatto ambientale. E c’è chi, purtroppo, pur avendo acquistato un quadriciclo elettrico, come la Renault Twizy, facendo un investimento per dare una mano all’ambiente, si è visto recapitare la multa a casa per essere passato nella Ztl. Alle rimostranze presentate a Polizia Municipale e Comune è stato fatto notare che la delibera comunale prevede le agevolazioni solo per “autovetture”. La Twizy, quindi, essendo un quadriciclo, anche se elettrico, non può passare in Ztl. Paradossalmente, gli scooter di qualsiasi categoria, anche i più inquinanti, invece, possono farlo.

Simeone: “Vuoto normativo assurdo”

“Si tratta di una vera e propria svista – commenta Nino Simeone, presidente della commissione comunale Trasporti, che sulla vicenda ha interpellato sia gli uffici tecnici che l’assessorato competente – Un vuoto normativo che va sanato immediatamente. Purtroppo, spiace constatare che, probabilmente per mera dimenticanza, la delibera 245 del 2019 – ossia l’atto precedente che è stato poi prorogato con la delibera 457 – pur indicando “incentivazione dell’utilizzo e della circolazione dei veicoli elettrici” prende invece in considerazione soltanto autovetture elettriche e veicoli ibridi, non considerando l’esistenza di motoveicoli e quadricicli elettrici”. Anche se quadricicli elettrici urbani come la Twizy sono in commercio dal 2011. “Tale dimenticanza – sottolinea Simeone – sta creando notevoli difficoltà ai proprietari di tali mezzi, che si vedono rifiutare da ANM la necessaria autorizzazione, pur se in possesso di un veicolo alimentato elettricamente. Inoltre, per completezza di informazione, questa esclusione è incomprensibile anche in riferimento all’esistenza sia di un servizio di car sharing che di noleggio monopattini elettrici in città, da parti di società private, ovviamente a pagamento, i cui veicoli transitano tranquillamente nelle ZTL”.

“In pratica – conclude il presidente della commissione Trasporti – in questo momento, si permette a queste società di incassare i proventi per l’utilizzo di tali mezzi a noleggio, ma al contempo si vieta ai nostri concittadini, che hanno fatto un investimento ed una scelta ecologica di acquisto (quadriciclo o motociclo), di poter godere delle stesse facilitazioni. Alla luce di quanto rappresentato, occorrerebbe con la massima urgenza, inserire tali mezzi tra quelli che possono usufruire delle agevolazioni previste dalla D.G.C. n. 457 del 22/12/2020, onde evitare una discriminazione nei confronti dei possessori di veicoli elettrici diversi da autovetture o auto ibride”.

Tutte le agevolazioni per le auto elettriche e ibride

Ma cosa prevedono le agevolazioni del Comune di Napoli per i possessori di auto elettriche e ibride per il 2021? Gli incentivi riguardano sia la sosta che l’accesso alle Ztl e sono rivolti ai possessori di auto elettriche o ibride. La richiesta del permesso va effettuata presso lo sportello di Via Giambattista Marino dell’Anm.

  • Le auto elettriche possono sostare gratuitamente (è previsto il pagamento del rilascio dell’autorizzazione di 10,00 euro) su tutte le strisce blu cittadine, escluse quelle a rotazione (segnalate da apposita cartellonistica).
  • Le auto ibride possono parcheggiare nelle strisce blu di tutto il territorio cittadino (ad esclusione delle aree a rotazione) previa sottoscrizione di abbonamento annuale il cui costo è commisurato al reddito ISEE e va da zero a 150 euro all’anno.
  • La circolazione delle auto elettriche e ibride nelle ZTL cittadine è consentito previo pagamento ad ANM spa di 10,00 euro all’anno.

Fonte : Fanpage