Premi Oscar, i film più premiati di tutti i tempi

Da “Ben Hur” a “Titanic” passando per “L’ultimo imperatore”: ecco le pellicole che hanno ricevuto più statuette nella storia degli Academy Awards

In attesa della 93esima edizione degli Academy Awards, in programma il prossimo 25 febbraio ( in Italia Sky trasmetterà l’intera cerimonia nella notte tra domenica 25 e lunedì 26 aprile dalle 00:15  sul canale Sky Cinema Oscar), ecco i film più premiati di tutti i tempi. Quelli, cioè, che hanno ricevuto il maggior numero di statuette: da “Ben Hur” a “Titanic” passando per “Via col vento”.

Ben Hur (1959)

Al via Sky Cinema Oscar

Il colossal diretto William Wyler, con protagonista Charlton Heston nei panni di Giuda Ben Hur, ricevette 11 premi Oscar su 12 nomination. La pellicola, ambientata a Gerusalemme durante l’impero di Tiberio, narra la storia del principe ebreo Ben Hur che, ridotto in schiavitù per tre anni, torna libero e cerca rivalsa nei confronti di chi lo ha ridotto in quelle condizioni. Ben Hur ottenne i premi come miglior film, miglior regia, miglior attore protagonista con Heston, miglior attore non protagonista con Hugh Griffith, oltre ad altre sette statuette per fotografia, scenografia, montaggio, costumi, sonoro, effetti speciali e colonna sonora. L’unica nomination che non si è tradotta in un premio fu quella per la miglior sceneggiatura non originale.

TITANIC (1997)

Oscar 2021, Miglior Film: i candidati in corsa per la statuetta. FOTO

Il film che ha consacrato agli occhi del grande pubblico Leonardo Di Caprio ha conquistato 11 statuette. Delle 14 nomination ottenute dalla pellicola diretta da James Cameron, 11 si sono tradotte in premi: miglior film, miglior regista, fotografia, scenografia, costumi, montaggio, sonoro, montaggio sonoro, effetti speciali, colonna sonora e miglior canzone, “My heart will go on”, resa celebre dall’interpretazione della cantante canadese Céline Dion. Niente da fare, invece, per Kate Winslet che non è andata oltre la nomination come migliore attrice protagonista e Di Caprio che non figurava nemmeno tra i candidati al premio.

IL SIGNORE DEGLI ANELLI – IL RITORNO DEL RE (2003)

Aspettando gli Oscar 2021, gioielli da red carpet

Undici statutette anche per “Il Signore degli Anelli – Il ritorno del re”, terzo capitolo della saga tratta dal romanzo di Tolkien e diretta da Peter Jackson. La pellicola è riuscita a tradurre in premi tutte e 11 le nomination ricevute per il miglior film, regia, sceneggiatura non originale, scenografia, costumi, trucco, montaggio, sonoro, effetti speciali, colonna sonora e canzone. 

WEST SIDE STORY (1961)

Premi Oscar, le scarpe più belle del red carpet

Appena sotto il podio, con dieci premi oscar conquistati, c’è “West Side Story”, diretto da Jerome Robbins e Robert Wise e tratto dall’amonimo musical. Il film racconta la travagliata storia d’amore di due ragazzi appartenenti a famiglie agli antipodi, affiliate a due bande rivali. La pellicola ricevette dieci statuette su undici nomination. Oltre a Rita Moreno e George Chakiris, che vinsero rispettivamente i premi come miglior attrice non protagonista e miglior attore non protagonista, “West Side Story” fu giudicato agli Academy il miglior film del 1961, aggiudicandosi anche la miglior regia, fotografia, scenografia, costumi, montaggio, sonoro e colonna sonora. Solo la mancata conversione in premio della nomination per la miglior sceneggiatura non originale impedì che il film facesse percorso netto.

GIGI (1958)

Oscar, gli attori che non sono mai stati premiati

Nove Oscar su nove nomination per la storia – ambientata nella Parigi del 1900 – della giovane Gigi, impegnata a diventare una cortigiana come la nonna. La pellicola conquistò i premi per il miglior film, regia, sceneggiatura non originale, fotografia, scenografia, costumi, montaggio, canzone e colonna sonora. Quest’ultima, realizzata da André Previn, rimase in testa alla classifica Billboard 200 del 1958 per tre settimane consecutive.

VIA COL VENTO (1939)

Oscar, tutti i film italiani vincitori

Adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo di Margaret Mitchell, portò a casa nove premi agli Academy del 1940, su un totale di 15 nomination: miglior film, regia, miglior attrice protagonista a Vivien Leigh, miglior attrice non protagonista a Hattie McDaniel, miglior sceneggiatura, fotografia, scenografia, montaggio e il premio alla Memoria Irving G.Thalberg, assegnato ai produttori che si distinguono per continuità nella realizzazione di lavori cinematografici di alto livello. Il film ha, inoltre, ricevette un Premio Speciale (che non fa parte dei premi Oscar competitivi) per lo scenografo William Cameron Menzies.

L’ULTIMO IMPERATORE (1987)

Oscar, perché si chiamano così

Sono nove gli Oscar conquistati anche dal capolavoro del regista Bernardo Bertolucci, su nove nomination: miglior film, miglior regia, sceneggiatura non originale, fotografia, scenografia, costumi, montaggio, sonoro e colonna sonora. La pellicola biografica racconta la vita dell’imperatore della Cina Pu Yi, salito al trono nel 1908, all’età di soli tre anni.

IL PAZIENTE INGLESE (1996)