Ecobonus, la denuncia: “Comune in ritardo con i condoni, molti cittadini non riescono a usufruirne”

“Molti cittadini non riescono a usufruire del bonus 110% per ristrutturare i propri immobili in quanto non riescono a completare le pratiche per le mancate risposte del Comune di Roma”. È la denuncia che arriva da Dario Nanni, consigliere nel VI municipio e responsabile romano di Azione, il partito di Carlo Calenda. Nanni raconta di aver ricevuto molte segnalazioni. 

“I romani scontano l’assurdità di dover completare le proprie pratiche con la concessione edilizia che gli viene richiesta dagli uffici di Roma Capitale, che però si trova ancora nell’Ufficio del condono edilizio dove da anni giacciono migliaia di pratica che ad oggi sono circa 180mila”.

Gli architetti: “Molti cittadini faticano a ottenere il bonus”

Il riferimento è al fatto che la richiesta di detrazione non può riguardare immobili che presentano irregolarità. Nei casi in cui la sanatoria riguarda abusi di lieve entità è possibile procedere con un’autocertificazione. Per Nanni, però, “il timore di non vedersi riconosciuto il bonus una volta avviati i lavori porta le persone a non avviare le ristrutturazioni”.

Attacca ancora Nanni: “In buona sostanza il Comune di Roma chiede ai cittadini una documentazione che non hanno per l’inadempienza della stessa amministrazione capitolina. Mi auguro” conclude Nanni “che il comune di Roma risolva al più presto a questa assurda vicenda, creando una commissione che nel più breve tempo possibile valuti le richieste dando la possibilità ai cittadini romani di usufruire del superbonus 110% per poter rendere i propri immobili più sicuri ed efficienti dal punto di vista energetico”.

Fonte : Roma Today