Superlega, ufficiale la creazione della nuova competizione: il comunicato dei 12 club

La tanto chicchierata Superlega diventa realtà. Almeno per ora, in attesa delle certe battaglie legali. 12 tra i più blasonati club europei, tra i quali anche le italiane Juventus, Milan e Inter, hanno annunciato l’accordo per la nascita di una nuova competizione calcistica infrasettimanale alla quale parteciperanno in totale 20 club, 15 di diritto in quanto fondatori e 5 da stabilire con un meccanismo di qualificazione dai campionati nazionali. Si apre dunque lo scontro ufficiale tra la nuova realtà, di natura privata, ovvero slegata dal controllo di alcuna federazione internazionale e nazionale, e il binomio Fifa-Uefa, che già qualche ora prima dell’annuncio ufficiale della creazione della Superlega aveva minacciato di intraprendere azioni legali contro le squadre che avrebbero deciso di aderire. Il progetto allo studio prevederebbe la partenza della competizione già a partire da agosto 2021, con le 20 squadre divise in due gironi che si affronteranno in un campionato “all’italiana” con partite di andata e ritorno. Le prime 4 di ogni girone, poi, andranno a sfidarsi nella fase a eliminazione diretta a cominciare dai quarti di finale. Come conseguenza della creazione della superlega, le 12 squadre fondatrici – Milan, Inter, Real Madrid, Barcellona, Atletico Madrid, Arsenal, Chelsea, Liverpool, Manchester City, Manchester United e Tottenham, alle quali dovrebbero aggiungersene altre tre – hanno deciso di uscire dall’Eca, l’associazione dei club europei, della quale Agnelli era il presidente. Lo stesso Agnelli ovviamente si è dimesso dalla carica, assumendo invece quella di vice presidente della superlega, che sarà presieduta da Florentino Perez, numero 1 del Real Madrid e promotore della rivoluzione. 

Il comunicato della nascita della Superlega

Dodici prestigiosi club europei di calcio hanno annunciato oggi congiuntamente un accordo per costituire una nuova competizione calcistica infrasettimanale, la Super League, governata dai Club Fondatori.

AC Milan, Arsenal FC, Atlético de Madrid, Chelsea FC, FC Barcelona, FC Internazionale Milano, Juventus FC, Liverpool FC, Manchester City, Manchester United, Real Madrid CF e Tottenham Hotspur hanno tutti aderito in qualità di Club Fondatori. È previsto che altri tre club aderiranno come Club Fondatori prima della stagione inaugurale, che dovrebbe iniziare non appena possibile.

In futuro, i Club Fondatori auspicano l’avvio di consultazioni con UEFA e FIFA al fine di lavorare insieme cooperando per il raggiungimento dei migliori risultati possibili per la nuova Lega e per il calcio nel suo complesso.

La creazione della Super League arriva in un momento in cui la pandemia globale ha accelerato l’instabilità dell’attuale modello economico del calcio europeo. Inoltre, già da diversi anni, i Club Fondatori si sono posti l’obiettivo di migliorare la qualità e l’intensità delle attuali competizioni europee nel corso di ogni stagione, e di creare un formato che consenta ai top club e ai loro giocatori di affrontarsi regolarmente.

La pandemia ha evidenziato la necessità di una visione strategica e di un approccio sostenibile dal punto di vista commerciale per accrescere valore e sostegno a beneficio dell’intera piramide calcistica europea. In questi ultimi mesi ha avuto luogo un ampio dialogo con gli stakeholders del calcio riguardo al futuro formato delle competizioni europee. I Club Fondatori credono che le misure proposte a seguito di questi colloqui non rappresentino una soluzione per le questioni fondamentali, tra cui la necessità di offrire partite di migliore qualità e risorse finanziarie aggiuntive per l’intera piramide calcistica.

Il nuovo torneo annuale fornirà una crescita economica significativamente più elevata ed un supporto al calcio europeo tramite un impegno di lungo termine a versare dei contributi di solidarietà senza tetto massimo, che cresceranno in linea con i ricavi della lega. Questi contributi di solidarietà saranno sostanzialmente più alti di quelli generati dall’attuale competizione europea e si prevede che superino i 10 miliardi di euro durante il corso del periodo iniziale di impegno dei club. Inoltre, il torneo sarà costruito su una base finanziaria sostenibile con tutti i Club Fondatori che aderiscono ad un quadro di spesa.

In cambio del loro impegno, i Club Fondatori riceveranno un contributo una tantum pari a 3,5 miliardi di euro a supporto dei loro piani d’investimento in infrastrutture e per bilanciare l’impatto della pandemia Covid-19.

Agnelli: “La Superlega è il futuro”

“I 12 Club Fondatori hanno una fanbase che supera il miliardo di persone in tutto il mondo e un palmares di 99 trofei a livello continentale – ha sottolineato Andrea Agnelli, presidente della Juventus e vicepresidente della Superlega -. In questo momento critico ci siamo riuniti per consentire la trasformazione della competizione europea, mettendo il gioco che amiamo su un percorso di sviluppo sostenibile a lungo termine, con un meccanismo di solidarietà fortemente aumentato, garantendo a tifosi e appassionati un programma di partite che sappia alimentare il loro desiderio di calcio e, al contempo, fornisca un esempio positivo e coinvolgente”.

Juventus: “Continueremo a partecipare alla Serie A”

In una nota sul suo sito ufficiale la Juventus ha precisato che “i club fondatori continueranno a partecipare alle rispettive competizioni nazionali e, fino all’avvio effettivo della Super League, Juventus ritiene di partecipare alle competizioni europee alle quali ha titolo di accedere”. 

Fonte : Sky Sport