Valle Galeria, i comitati scrivono a Regione e Comune: “Archiviate la discarica di Monte Carnevale”

Gli arresti domiciliari scattati per la dirigente regionale Flaminia Tosini e per l’imprenditore dei rifiuti Valter Lozza non hanno chiuso la partita sul futuro di Monte Carnevale.

La spada di Damocle

Per i cittadini della Valle Galeria, l’ipotesi di trasformare l’ex cava nella nuova discarica di Roma, continua a rappresentare una spada di Damocle. Perchè, alla promessa della Sindaca di ritirare la delibera che indicava in Monte Carnevale il sito dove realizzare la Malagrotta Bis, non è seguito nessun atto conseguente. Nè, sul fronte regionale, si è provveduto ad archiviare la relativa Conferenza dei servizi. Anzi, proprio da quest’ultima, sono emerse delle novità che stanno alimentando una certa preoccupazione.  

I dubbi sulla Conferenza dei servizi

“Abbiamo visto un recente documento firmato dalla Direzione Tutela Ambiente del Comune con cui si rilasciava parere negativo all’Autorizzazione integrata ambientale, con una serie di prescrizioni. L’atto in sè va abbastanza bene tuttavia – ha commentato Giacomo Giujusa, già assessore all’ambiente del Municipio XI – quel documento è stato firmato quando la conferenza era sospesa. Non sappiamo quindi cosa pensare e vorremmo si facesse chiarezza”.

Una sospensione incerta

L’atto in effetti, una determina dirigenziale firmata dal direttore del Dipartimento capitolino, è stato protocollato il 6 aprile. La sospensione della Conferenza dei servizi “in autotutela” era invece stata annunciata dalla Regione il 18 marzo, all’indomani del duplice arresto. Per questo i cittadini, riuniti nel Comitato Valle Galeria Libera, hanno deciso di rompere gli indugi. Ed in un clima di generale incertezza sul futuro dell’area, hanno pensato di scrivere alla Regione ed al Comune.

Le richieste dei cittadini

Il comitato, attraverso una PEC, si è rivolto alla Sindaca Raggi per chiedere di mantenere la promessa fatta, revocando la delibera del 31 dicembre 2019. Alla Regione, invece, i cittadini hanno rivolto una duplice richiesta. Da una parte è stata invocata la necessità “verificare/revocare tutti i procedimenti e tutte le autorizzazioni rilasciate dalla Direzione Regionale delle Politiche Ambientali dal 1 gennaio 2012 al 31 marzo 2021 nell’area della Valle Galeria”. Dall’altro il comitato ha scritto alla Regione per ottenere la definitiva “archiviazione delle conferenza dei servizi per l’AIA della discarica di Monte Carnevale”.

La riqualificazione della vallata

“Oggi la Valle Galeria ha una sola parola d’ordine – ha commentato Monica Polidori, attivista del comitato che coordina le varie realtà del territorio – la nostra richiesta alle istituzioni è quella di avviare la riqualificazione”. Prima, però, bisogna avviare le pratiche per chiudere la partita su Monte Carnevale. 
 

Fonte : Roma Today