King Arthur, Charlie Hunnam chiese di combattere con gli altri candidati per il suo ruolo

L’esser reduce dall’ultima stagione di Sons of Anarchy creò un po’ di problemi a Charlie Hunnam quando si trattò di presentarsi al casting per il King Arthur di Guy Ritchie: il regista cercava infatti un attore dal fisico possente e il povero Charlie era dimagrito parecchio per dar vita all’ultimo Jackson Teller.

Ritchie espresse più volte i suoi dubbi davanti all’attore, al punto da farlo sbottare: “Senti, continui a parlare di questa cosa della fisicità. È evidente che sia la tua prima preoccupazione. Quindi se vogliamo farla finita con tutta questa stro**ata dei provini sono disposto a combattere contro gli altri due attori. So chi sono. Puoi farli entrare tutti e due. Combatterò contro tutti e due. Quello che esce in piedi ad quella porta ottiene il ruolo” furono le parole di Hunnam. Stranamente il buon Guy non dovette pensarci oltre!

L’impegno profuso dall’attore per il ruolo di Artù fu comunque encomiabile: il nostro Charlie fece ogni giorno centinaia di flessioni, arrivando al suo personale record di 1050 push-up in un solo giorno allo scopo di presentarsi al meglio sul set. Obbiettivo raggiunto, non trovate? Per saperne di più, comunque, qui trovate la nostra recensione di King Arthur – Il Potere della Spada.

Fonte : Everyeye