Vaccini, arrivano le dosi di Johnson & Johnson ma c’è l’ombra del blocco. D’Amato: “Si decida subito”

Vaccini Johnson & Johnson a rischio blocco come successo con AstraZeneca. Gli occhi della Regione Lazio e del resto d’Italia sono tutti puntati sulla riunione ‘tecnica’ che si terrà oggi al ministero della Salute dopo lo stop degli Usa al vaccino anti Covid di Janssen.

La decisione di sospendere il vaccino dopo alcuni casi di coagulazione arriva proprio nel giorno in cui in Italia arrivano le prime dosi targate J&J. Sono 184mila le dosi arrivate nel pomeriggio all’hub nazionale della Difesa di Pratica di Mare. Si tratta del primo lotto del vaccino statunitense che giunge in Italia.

Nella tarda serata di ieri sono state inoltre consegnate circa 175mila dosi di vaccino Vaxzevria, ossia l’ex farmaco noto come AstraZeneca. I due arrivi sono parte dei 4,2 milioni di dosi che giungeranno in Italia nel periodo 15-22 aprile che, assieme a quelle nelle disponibilità delle Regioni, contribuiranno in modo significativo al raggiungimento del target della campagna a livello nazionale. L’arrivo e lo stoccaggio dei vaccini presso l’hub nazionale di Pratica di Mare è gestito dal Comando operativo di vertice interforze nell’ambito dell’operazione Eos. Il vaccino Janssen è il quarto approvato dalle autorità sanitarie nazionali, dopo Pfizer, Moderna e Vaxzevria.

Sul caso è intervenuto anche l’assessore alla sanità Alessio D’Amato: “E’ bene che sul vaccino Johnson & Johnson ci sia una decisione rapida, chiara, definitiva, senza tentennamenti ed incertezze. Bisogna evitare di fare ciò che è stato fatto con il vaccino AstraZeneca. Le autorità si pronuncino con una voce sola, anche perché negli USA si trovano in una situazione totalmente diversa avendo già somministrato alla popolazione milioni di dosi. Mi auguro che si mantenga un livello di razionalità e di pragmatismo, il rischio di una tempesta perfetta è molto alto”.

Fonte : Roma Today