Harry Potter, Rupert Grint confessa:”Fare quei film per dieci anni è stato soffocante”

Rupert Grint, volto di Ron Weasley nella saga cinematografica di Harry Potter, ha ripercorso gli anni delle riprese del franchise tratto dai libri di J.K. Rowling, confessando di averli trovati in diverse occasioni piuttosto soffocanti. Il primo film della saga è uscito nel 2001 e l’ultimo nel 2011. Un decennio nel quale molte cose sono cambiate.

“C’è stato un periodo in cui sembrava piuttosto soffocante. Perché era pesante, alla fine è stato tutti i giorni per dieci anni” ha dichiarato Grint.
La star ha ammesso:“È stata una grande esperienza. Un tipo di atmosfera familiare così piacevole. È sempre stato lo stesso gruppo con cui siamo cresciuti, quindi è stato un ottimo luogo dove stare” sottolineando tuttavia che “mi sono sentito decisamente un po’ del tipo ‘Voglio fare qualcos’altro. Guarda cos’altro c’è la fuori'”.

“Non era mai finita. Ogni anno tornavamo. Ed era un po’ come Ricomincio da capo perché erano gli stessi set. C’erano le stesse persone. Ma è stato fantastico. L’ho adorato” precisa.
Rupert Grint ha raccontato di aver visto soltanto il primo film della saga e non ha ancora visto i successivi; un dettaglio a cui ha dichiarato che penserà di rimediare con la figlia, Wednesday, avuta dalla compagna Georgia Groome.
In questo periodo Rupert Grint è tra i protagonisti della serie tv Servant, creata da M. Night Shyamalan.

Ma in un nuovo progetto Rupert Grint tornerebbe nei panni di Ron Weasley? Si è parlato moltissimo di un ritorno di Harry Potter in futuro ma per il momento rimane soltanto un’ipotesi. Sul set Rupert Grint aveva una brutta reputazione, come da lui stesso dichiarato.

Fonte : Everyeye