Ufc, Blachowicz rifila il 1° ko ad Adesanya e resta campione. Tutto facile per la Nunes

L’UFC 259, il più grande evento di MMA organizzato dopo lo stop a causa della pandemia, ha mantenuto le alte aspettative della vigilia regalando match al cardiopalma, molta azione e qualche sorpresa. A prendersi la scena nella notte di Las Vegas è stato Jan Blachowicz che è stato in grado di fermare il fino a quel momento imbattuto Israel Adesanya e di batterlo con decisione unanime (49-46, 49-45 e 49-45) mantenendo così il titolo mondiale dei pesi massimi leggeri. Il 38enne polacco, sfavorito alla vigilia, ha dimostrato che tutti si sbagliavano e per la prima volta in 21 combattimenti è riuscito a mettere ko Adesanya, che paga dunque il salto di categoria (il 31enne nigeriano naturalizzato neozelandese è infatti l’attuale campione in carica dei pesi medi) con la prima sconfitta in carriera in UFC.

Match senza sorprese invece quello che ha visto la campionessa dei pesi piuma femminili Amanda Nunes difendere il titolo contro Megan Anderson battuta in appena 123 secondi di combattimento al termine di un incontro in cui la superiorità della 32enne brasiliana non è mai stata messa in discussione. Cambia invece padrone la cintura dei pesi gallo maschili con Aljamain Sterling che però, avendo battuto il campione in carica Petr Yan solo a causa di una squalifica inflittagli per una ginocchiata illegale, non si sente davvero campione (tante che sul ring si è tolto immediatamente la cintura appena conquistata): “Mi sento frustrato. Accetto le regole del gioco, ma non volevo vincere in quel modo” ha detto infatti l’americano al termine dell’incontro che lo ha comunque reso il nuovo campione UFC dei pesi gallo.

Fonte : Fanpage