Justice League, cosa significano i sei titoli della Snyder Cut?

La Snyder Cut di Justice League metterà a dura prova i fan che non sopportano i film più lunghi della media: il film con Ben Affleck e Gal Gadot sforerà le 4 ore di durata e, in virtù di ciò, il buon Zack sembra aver ritenuto opportuno dividerlo in più capitoli probabilmente per facilitarne la visione.

Ma cosa significano i titoli dei capitoli in questione? Il loro significato è, in alcuni casi, abbastanza lampante: Don’t Count on it, Batman, ad esempio, ci lascia immaginare un Bruce Wayne in difficoltà nel tentativo di radunare i suoi colleghi supereroi per formare la Justice League, mentre The Age of Heroes si concentrerà probabilmente sulla guerra contro Uxas.

Beloved Mother, Beloved Son avrà presumibilmente a che fare con le due famose Martha nominate in Batman v Superman; Change Machine dovrebbe invece parlarci della Mother Box e, di conseguenza, mostrarci quella che è la versione di Zack Snyder delle origini di Cyborg (per la gioia del nostro Ray Fisher).

All the King’s Horses fa invece riferimento ad una parte della filastrocca di Humpty Dumpty (“All the king’s horses and all the king’s men couldn’t put Humpty together again“): capita l’antifona? Sì, si tratterà con ogni probabilità del capitolo riguardante la resurrezione di Superman. Something Darker sarà dunque il capitolo in cui assisteremo finalmente allo scontro finale, ma attenzione! Snyder ha recentemente parlato della presenza di un ulteriore capitolo “segreto”, una sorta di epilogo del film. Quali sorprese dobbiamo aspettarci? Lo scopriremo solo tra qualche giorno. Qui, nel frattempo, trovate il trailer della Snyder Cut dedicato a Superman.

Fonte : Everyeye