Noemi a Sanremo 2021 con Glicine: il testo

Veronica Scopelliti, in arte Noemi, è pronta per la sua apparizione sul palco di Sanremo 2021. Il brano scelto per il Festival è “Glicine”. Su queste note proverà a imporsi in questa sua sesta partecipazione come concorrente, alle quali occorre aggiungere la volta in cui ha presenziato da ospite.

La scaletta di Sanremo 2021: ospiti e cantanti della prima serata

La sua passione per la musica affonda le radici nell’infanzia. Ha iniziato a suonare il pianoforte a sette anni, scoprendo l’amore per la chitarra a 11 anni. Una propensione che deriva da suo padre Armando, musicista che ha peso parte anche al Festival di Castrocaro. Rivive nella figlia i suoi sogni e l’accompagna nel percorso che la conduce al DAMS. Si laurea in regia televisiva e cinematografica, ma la vita l’ha poi condotta in tutt’altra direzione. 

Sanremo 2021, tutto quello che c’è da sapere sulla 71esima edizione

Noemi viene lanciata da X-Factor, con Morgan che cambia la sua carriera, spronandola a cantare in italiano. La sua voce conquista l’Italia e nel 2009 pubblica “Briciole”, che vince il disco d’oro, entrando nella top 100 Billboard europea. Candidata ai Nastri d’argento per la migliore canzone originale, “Vuoto a perdere”, scritta da Vasco Rossi per lei e inserita nella colonna sonora di “Femmine contro maschi”. Dal 2009 a oggi ha pubblicato sei album. Il settimo, “Metamorfosi”, arriverà nei negozi il 5 marzo 2021, contenente, ovviamente, il brano di Sanremo 2021.

Il testo di Glicine

Mi dici che

Che non funziona più

Siamo soli adesso noi

Sopra a un pianeta blu

E quando arriva sera

Invadi la mia sfera

Non è la primavera

Che non sento da un po’

Non sento da un po’

I brividi sulla mia pelle,

Il tuo nome fra le stelle

Sembra ieri,

Sembra ieri che la sera

Ci stringeva quando tu stringevi me

Ricordo ancora quella sera guardavamo le

Le code delle navi dalla spiaggia sparire

Vedi che son qui che tremo

Parla parla parla parla con me

Ma forse ho solo dato tutto per scontato e

E mi ripeto che scema a non saper fingere

Dentro ti amo e fuori tremo

Come glicine di notte

Scommetto che

Ora non prendi più

L’abitudine di far

Sempre come vuoi tu

E quando arriva sera

Mi manca l’atmosfera

Non è la primavera

Sembra ieri, sembra ieri che la sera

Ci stringeva quando tu stringevi me

Ricordo ancora quella sera guardavamo le

Le code delle navi dalla spiaggia sparire

Vedi che son qui che tremo

Parla parla parla parla con me

Ma forse ho solo dato tutto per scontato e

E mi ripeto che scema a non saper fingere

Dentro ti amo e fuori tremo

Come glicine di notte

Dietro di noi vedo giorni spesi su treni infiniti

Forse è solo che mi manca parte

Di un passato lontano come Marte

Tu cosa dirai vedendomi arrivare

Quando ti raggiungerò

Ricordo ancora quella sera guardavamo le

Le code delle navi dalla spiaggia sparire

Vedi che son qui che tremo

Parla parla parla parla con me

Ma forse ho solo dato tutto per scontato e

E mi ripeto che scema a non saper fingere

Dentro ti amo e fuori tremo

Come glicine di notte

Ora che

Non posso più tornare

A quando ero bambina

Ed ero salva da ogni male

E da te, da te, da te

Fonte : Sky Tg24