“Liberiamo Roma dalle droghe”: parte la petizione popolare contro le piazze di spaccio

Droga sequestrata durante un’operazione delle forze dell’ordine (immagine d’archivio)

“Liberiamo Roma, basta zone franche dello spaccio”. Si intitola così la petizione popolare lanciata da Fratelli d’Italia contro lo spaccio di droga nella Capitale. Ieri la presentazione alla Camera dei deputati alla presenza del vicepresidente della Camera Fabio Rampelli e della deputata Maria Teresa Bellucci, responsabile nazionale del Dipartimento dipendenze. 

Roma, la più grande piazza di spaccio d’Italia

“E’ un tema di cui ci siamo occupati in Parlamento e a livello locale, come nel caso della Capitale che secondo la mappa della criminalità italiana realizzata dal ‘Sole 24 Ore’ – facendo riferimento a dati del Ministero dell’Interno – classifica Roma come la più grande piazza di spaccio in Italia a fronte delle 2672 denunce per spaccio e 4714 correlate a stupefacenti” dichiara Maria Teresa Bellucci, deputato e Responsabile Nazionale del Dipartimento Dipendenze di FdI. 

I dati de Il Sole 24 Ore

“Si tratta di un tema emergenziale abbandonato dal Governo italiano quanto dalla sindaca Raggi, che ha azzerato i servizi di lotta alla droga a Roma. Eppure i dati sono da far tremare i polsi: le morti aumentano dell’11%, più di 7 persone ogni sette giorni, siamo al secondo posto in Europa per uso di cannabis tra i giovani, al terzo posto per utilizzo di cocaina, girano nelle piazze reali e sul web oltre 300 tipi di sostanze sintetiche diverse. Dilaga l’uso di cannabis, soprattutto tra i giovani, al primo al posto in Europa per consumo tra i 16enni (dati Espad) e con il 21% di persone tra i 15 e i 34 anni assuntori di cannabinoidi. Stante tale palese emergenza, sono anni che sollecitiamo le Istituzioni – con pdl, interrogazioni, mozioni – ad attivarsi per affrontare il problema droghe e dipendenze in Italia”, prosegue Bellucci. 

Una raccolta firme già avviata nelle scorse settimana nelle piazze simbolo del dilagare dello spaccio – zone come piazza Vittorio, San Lorenzo, Ponte Milvio e il Pigneto – e che continuerà per raggiungere le oltre 30 piazze individuate dalla Procura. 

“Da Raggi nessuna azione”

“Rammarica che la sindaca Raggi in questi 5 anni non abbia fatto nulla contro le dipendenze ma anzi, al contrario, abbia addirittura chiuso l’Agenzia capitolina sulle Tossicodipendenze – una decisione che Fratelli d’Italia ha sempre denunciato – e che ha portato all’inevitabile azzeramento dei servizi e al taglio dei posti di lavoro” hanno dichiarato in una nota congiunta Massimo Milani coordinatore romano, Andrea De Priamo capogruppo in Campidoglio e Francesco Todde presidente di Gioventù Nazionale Roma. “E’ evidente che vi sia anche un’emergenza di sicurezza sul territorio e plaudiamo al grande lavoro quotidiano delle Forze dell’Ordine, ma è chiaro che servono maggiori controlli – e su questa ci appelliamo alla Questura e alla Prefettura di Roma – insieme ad un’attività di prevenzione che ad oggi sono decisamente insufficienti”. 

 

Fonte : Roma Today