Clubhouse: la piattaforma del momento è meno sicura di quanto sembrava

Redazione 24 febbraio 2021 21:28

Clubhouse meno sicuro di quanto sembrava? La nuova piattaforma basata sulle sale di ascolto virtuali sale nei download e nell’adozione da parte degli utenti, ma sembra che debba ancora lavorare sulla privacy. Dopo l’allerta di qualche giorno fa dello Stanford Internet Observatory, come riporta l’agenzia Ansa, Bloomberg riporta che si è verificata una breccia nella sicurezza delle chat del nuovo social network nato in periodo di piena pandemia sanitaria.

Problemi di privacy e sicurezza su Clubhouse

A quanto sembra, un utente sarebbe riuscito a sottrarre diversi audio da alcune stanze di ascolto di Clubhouse, così si chiamo i luoghi di discussione della piattaforma, e ritrasmetterle in streaming su un sito di terze parti. Sarebbero arrivate conferme anche da Clubhouse stesso, con la società che avrebbe «bannato in modo permanente» l’utente e implementato nuovi livelli di protezione per evitare che questo possa ripetersi.

Secondo i ricercatori dello Stanford Internet Observatory la piattaforma potrebbe però non essere in grado di evitare il ripetersi dell’accaduto e sull’app, al momento disponibile solo per piattaforma iOS e solo su invito, le conversazioni potrebbero essere in qualche modo registrate. Gli stessi ricercatori nei giorni scorsi hanno fatto notare che Clubhouse si affida alla startup cinese Agora per gestire gran parte delle operazioni e il traffico di dati, dipendenza che solleva preoccupazioni per la privacy.

L’ascesa continua di Clubhouse: 8 milioni di download per il social delle “stanze sonore”

Facebook si ispira a Clubhouse e punta sulla voce

Fonte : Today