Nomina sottosegretari, la lista dei nomi: chi ha vinto e chi ha perso tra i partiti

Redazione 24 febbraio 2021 21:15

Ci sono tutti i nomi dei sottosegretari del governo Draghi, arrivati dopo trattative anche estenuanti, tanto che nel pomeriggio di oggi il consiglio dei ministri era stato sospeso per gli attriti scaturiti dalla spartizione degli incarichi tra i partiti. Manca ancora il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega allo Sport, ma intanto ecco tutto l’elenco.

I viceministri, quattro donne e due uomini

Marina Sereni (Pd) viceministro agli Esteri, Laura Castelli (M5s) viceministro all’Economia, Gilberto Pichetto Fratin (Fi) e Alessandra Todde (M5s) allo Sviluppo economico, Teresa Bellanova (Iv) e Alessandro Morelli (Lega) alle Infrastrutture e Trasporti. Al capo della Polizia prefetto Franco Gabrielli è stata affidata la delega alla sicurezza della Repubblica.

I sottosegretari

Deborah Bergamini (Fi) sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio. Simona Malpezzi (Pd) ai rapporti con il Parlamento. Dalila Nesci (M5s) al Sud e coesione territoriale. Assuntela Messina (Pd) all’innovazione tecnologica e transizione digitale. Vincenzo Amendola (Pd) agli affari europei. Giuseppe Moles (Fi) informazione ed editoria. Bruno Tabacci (Cd) al coordinamento della politica economica. Manlio Di Stefano (M5s) e Benedetto Della Vedova (+Europa) agli Esteri. Al Viminale entrano come sottosegretari Nicola Molteni (Lega, Ivan Scalfarotto (Iv) e confermato Carlo Sibilia (M5s). Alla Giustizia Anna Macina(M5s), Francesco Paolo Sisto (Fi). Alla Giorgio Mulè (Fi) e Stefania Pucciarelli (Lega). Confermata sottosegretaria all’economia Laura Castelli (M5s) che prende anche l’incarico di viceministro. Sempre al Mef entrano Claudio Durigon (Lega), Maria Cecilia Guerra (Pd) e l’assessore alla regione Lazio Alessandra Sartore (Pd). Al Mise-Sviluppo economico arriva il forzista Gilberto Pichetto Fratin e Alessandra Todde (M5s) entrambi viceministri, sottosegretaria la deputata Pd Anna Ascani. Alle Politiche agricole alimentari e forestali il forzista Francesco Battistoni e l’ex ministro della Lega Gian Marco Centinaio. Al super ministero per la transizione ecologica vanno Ilaria Fontana (M5s) e Vannia Gava (Lega). Ai trasporti entra l’ex ministra di Italia Viva Teresa Bellanova con l’incarico di viceministro, insieme a Alessandro Morelli (Lega). Sempre al Mit confermato come sottosegretario il pentastellato Giancarlo Cancelleri. Al lavoro e politiche sociali Rossella Accoto (M5s), Tiziana Nisini (Lega). All’istruzione Barbara Floridia (m5s), Rossano Sasso (lega). Ai Mibac la leghista ex candidata governatrice dell’Emilia Romagna Lucia Borgonzoni. Alla salute confermato Pierpaolo Sileri (m5s) e entra Andrea Costa (Noi con l’Italia).

Nomine, il commento di Salvini e Tajani

“Auguro buon lavoro a tutti i viceministri e sottosegretari della Lega e mi rammarico per gli esclusi, visto che almeno altre 30 persone avevano legittime ambizioni di governo”. Così Matteo Salvini dopo la nomina dei sottosegretari e viceministri, fatta dal consiglio dei ministri appena concluso. “Siamo soddisfatti: metà dei nomi indicati sono donne, tante le regioni rappresentate, dalla Puglia alla Toscana, dal Lazio all’Emilia-Romagna, dalla Liguria al Friuli Venezia Giulia”, conclude il leader della Lega. “Forza Italia ottiene deleghe importanti nei settori chiave del governo Draghi. I nostri si impegneranno per sostenere imprese, industria, agricoltura, le nostre Forze armate e per difendere la centralità del Parlamento”. Lo scrive su Twitter Antonio Tajani, coordinatore nazionale di Forza Italia.

Fonte : Today