Amsterdam sorpassa Londra come mercato finanziario più grande d’Europa

Effetto Brexit anche sulla City, che perde lo scettro di hub per gli scambi azionari del vecchio continente a causa del mancato accordo tra le istituzioni finanziarie

Quotazioni di borsa sul computer di un analista Foto di Pexels da Pixabay

Un sorpasso storico è avvenuto tra i mercati finanziari europei a gennaio: Amsterdam è diventata la piazza di scambi più ricca e ha superato Londra per volume economico. L’ennesimo effetto della Brexit, divenuta definitiva a partire dal primo gennaio, è dovuto a un mancato accordo tra le istituzioni finanziarie dell’Unione europea e Regno Unito. Il primo risultato è stato uno smottamento immediato di affari per 6,5 miliardi di euro da una sponda all’altra del Mar del Nord. Una mole pari alla metà del business gestito normalmente da banche e broker della City, riferisce il Financial Times.

In particolare, nel primo mese dell’anno è stata scambiata una media di 9,2 miliardi di euro in azioni al giorno alla borsa Euronext di Amsterdam e presso le piazze locali di Cboe Europe e Turquoise, con un incremento più che quadruplicato rispetto a dicembre. Dall’altra parte i volumi trattati a Londra sono crollati nettamente a un totale di 8,6 miliardi di euro, spostando il Regno Unito dalla sua storica posizione di principale hub finanziario europeo. Lo calcola Cboe, il principale mercato delle opzioni con quartier generale a Chicago, che ha sedi anche nelle due città europee. In base agli stessi numeri, la borsa olandese si aggirava a dicembre intorno ai 2 miliardi di euro, più o meno come Milano.

L’Unione europea ritiene che le sedi di negoziazione britanniche non abbiano lo stesso status di vigilanza delle proprie, così un divieto imposto alle istituzioni finanziarie europee operative a Londra ha favorito tale spostamento. Il governatore della Banca d’Inghilterra punta il dito su Bruxelles che, negando l’equivalenza dei servizi finanziari tra le due parti, starebbe cercando di tagliare fuori il Regno Unito dai mercati. Le due parti dovrebbero siglare un memorandum a marzo per ricomporre la situazione.

Fonte : Wired