Garanzia Giovani, lo strumento dell’Unione Europea che aiuta i giovani a trovare lavoro

Redazione 31 gennaio 2021 09:45

E’ tristemente negativo, in termini lavorativi, il bilancio del 2020 appena concluso, anche (e soprattutto) per i giovani: se, infatti, da un lato la pandemia di Covid-19 ha letteralmente messo in ginocchio numerose imprese ed attività di molteplici settori, una delle fasce maggiormente colpite è stata proprio quella degli under 30.

Un dato su tutti, più che eloquente, racconta una situazione a dir poco allarmante: a fine ottobre 2020 il tasso di disoccupazione era stabile al 9,8%, mentre quello tra i giovani era salito di 0,6 punti percentuali, attestandosi al 30,3% (Dati Istat).

Ecco che allora le ripetute flessioni in termini di occupazione, registrate tra marzo e giugno 2020 hanno fatto sì che proprio a ottobre 2020 l’occupazione continuasse a essere più bassa di quella registrata nello stesso mese del 2019 (-2%), coinvolgendo uomini e donne di qualsiasi età, con l’unica eccezione degli occupati over50 (+ 45mila unità rispetto all’anno prima).

Proprio come supporto ai giovani e al loro inserimento nel mondo del lavoro, il progetto Garanzia Giovani si inserisce come valido strumento di lotta alla disoccupazione.

Scopri di più sull’iniziativa Garanzia Giovani

Garanzia Giovani

Nato con l’ambizioso obiettivo di contrastare la disoccupazione giovanile, Garanzia Giovani è il progetto dell’Unione Europea conosciuto anche col nome inglese di Youth Gurantee. Questa misura è attualmente adottata da tutti i Paesi UE con tasso di disoccupazione giovanile superiore al 25%; nello specifico, nel nostro Paese l’iniziativa venne ufficializzata nel 2015, all’interno della riforma del lavoro Jobs Act.

Come funziona Garanzia Giovani

Il progetto, istituito all’interno delle politiche attive del lavoro stanziate dal Governo, si rivolge ai disoccupati Under 30 e non inseriti in alcun percorso formativo, i cosiddetti NEETNot in Education, Employment or Training.

Per avere maggiori informazioni sull’iniziativa è necessario consultare i siti delle singole Regioni d’Italia, dal momento che ognuna di queste istituisce autonomamente i diversi piani di azione grazie ai fondi europei.

Il ruolo centrale di Adecco

Se il coordinamento generale è gestito da ANPAL – Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro – Adecco può invece guidare il candidato in ogni fase, dalla profilazione in Garanzia Giovani fino al completo inserimento nel contesto lavorativo ideale, offrendo una consulenza mirata per conoscere le differenze fra i vari enti regionali.

Come ottenere Garanzia Giovani

Per iscrversi all’iniziativa è necessario essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • età compresa fra i 15 e i 29 anni compiuti
  • essere cittadini EU residenti in Italia
  • essere disoccupati
  • non studenti e non in formazione.

I servizi di Garanzia Giovani

I Servizi previsti da Garanzia Giovani sono molteplici: dal fornire all’interessato tutte le informazioni utili allo svolgimento dell’intera pratica alla verifica dei requisiti per l’iscrizione al programma, fino al vero e proprio inserimento lavorativo. Non solo: sono anche previste soluzioni mirate in ambito formazione, che prevedono l’orientamento, il training, la scelta dell’azienda e il superamento del colloquio.

Attualmente le tipologie contrattuali previste da Garanzia Giovani sono:

  • Apprendistato. È un tipo di contratto di lavoro stipulato in presenza di un parallelo percorso formativo. In sua assenza, il soggetto datore di lavoro è tenuto al rilascio di una qualifica professionale alla scadenza contrattuale. La durata del contratto è di sei mesi.
  • Tirocinio. Prevede per il soggetto datore di lavoro l’obbligo a un periodo di formazione affiancando il candidato a un dipendente esperto, con un rimborso spese.

Dal punto di vista delle imprese, invece, il progetto Garanzia Giovani fornisce agli enti datori di lavoro dei bonus occupazionali in forma di finanziamento diretto o di agevolazione fiscale.

Per ricevere informazioni più approfondite è possibile visitare la sezione dedicata o recarsi nel punto Adecco più vicino.

Fonte : Today