Cori Bush, la deputata che cambia ufficio per non stare vicino alla seguace QAnon

Redazione 30 gennaio 2021 12:42

”Basta, cambio ufficio”: la deputata afroamericana dem in Missouri, Cori Bush, ha annunciato di volersi spostare il più lontano possibile dalla stanza in cui ha sede l’ufficio Marjorie Taylor Greene, la seguace QAnon eletta con i repubblicani in Georgia. La Greene è già al centro delle polemiche e adesso la ”collega” dem ne chiede la rimozione dal Congresso: ”È un pericolo per la sua sicurezza, anche perché non indossa mascherine”.

“Green ed il suo staff mi hanno aggredito verbalmente nel corridoio, mi prendono di mira sui social media, trasferisco il mio ufficio lontano da lei per la mia sicurezza”, ha scritto Bush su Twitter, raccontando la reazione della repubblicana alla sua richiesta di indossare la mascherina. Per tutta la risposta Greene, una complottista che ha in passato fatto dichiarazioni razziste ed antisemite, ha detto che Bush è una bugiarda che guida “una folla di terroristi” perché sostiene Black Lives Matter.

Lo scambio di accuse arriva mentre aumentano le richieste di censura, fino all’espulsione, nei confronti di Greene per aver invocato la violenza verso membri del Congresso.

“La notizia che la deputata Green abbia sostenuto pubblicamente l’esecuzione di pubblici ufficiali e aggredito verbalmente un adolescente sopravvissuto ad una strage scolastica, disturba profondamente” ha dichiarato il presidente della Human Rights Campaign chiedendo che la repubblicana venga rimossa dalle commissioni in cui siede, tra le quali quella per la Scuola.

“La deputata ha mostrato la mancanza di rispetto per la democrazia e le istituzioni, scegliendo invece le fiamme della divisione e dell’odio, gli stessi che hanno motivato i terroristi interni che hanno attaccato il Campidoglio solo tre settimane fa”, conclude Alphonso David. Intanto, alcuni deputati democratici hanno chiesto di votare per l’espulsione di Greene, che ha più volte definito le stragi nelle scuole un falso. Ieri erano stati i genitori delle vittime delle stragi nelle scuole a chiedere provvedimenti nei confronti di Greene.

Fonte : Today