Claudia Acciarino, morta durante una escursione: la tragedia della 36enne con la passione del rock

È morta giovedì sera proprio mentre i soccorritori l’avevano raggiunta dopo ore di ricerche. Lei, Claudia Acciarino, una romana di 36 anni residente nella zona del Quadraro, aveva lanciato l’allarme ma non è serito a nulla: fatale la scivolata in un dirupo di circa 200 metri, con pendenza del 40%, e che probabilmente più volte l’ha fatta sbattere contro gli alberi.

Sul caso la Procura di Velletri ha aperto un’inchiesta sia per ricostruire la vicenda, ma anche valutare anche la tempistica e l’organizzazione dei soccorsi. 

I carabinieri della compagnia di Colleferro stanno svolgendo accertamenti al riguardo: quel che finora appare chiaro a chi indaga è che Claudia Acciarino era sola a Pian della Faggetta, e nonostante avesse già fatto escursioni come racconta il suo profilo Facebook era senza indumenti pesanti. Alle 16.20 però ha chiamato il 112 chiedendo aiuto. Fore era già finita nel dirupo.

Il suo smartphone è stato geolocalizzato in un burrone, ma le condizioni meteo avrebbero rallentato l’arrivo dei soccorritori, tanto che anche uno dei vigili del fuoco è scivolato ed è rimasto ferito. 

Alle 20, come hanno ricostruito i carabinieri, è stato richiesto l’ausilio dell’elicottero dell’Aeronautica da Pratica di Mare equipaggiato con i visori notturni per il recupero della 36enne, purtroppo però inutile: Claudia era già morta. 

Claudia Acciarino aveva un negozio di musica, vinili e film in via Nomentana, l’Inferno Store, un autentico punto di riferimento per gli appassionati del genere. Era appassionata di musica, suonava e cantava nei Godog e aveva un progetto da solista, Cassandra. Per anni è stata cuore pulsante del circolo DalVerme al Pigneto e collaborava con la casa di produzione e marketing Kick Angency

Fonte : Roma Today