Monitoraggio Iss, in Italia Rt nazionale a 0,84: “In calo anche incidenza e ricoveri”

Buone notizie arrivano dalla bozza del report con il monitoraggio settimanale della situazione epidemiologica in Italia realizzato da Istituto superiore di Sanità e Ministero della salute nel periodo compreso dal 18 al 24 gennaio, con dati aggiornati al 27. In calo, infatti, non solo l’Rt, cioè l’indice di trasmissibilità del contagio, che a livello nazionale per la seconda settimana consecutiva si ferma sotto la soglia di guardia di 1, raggiungendo quota 0,84. Ma in decrescita sono anche l’incidenza, con 289,35 casi ogni 100mila abitanti rispetto al 339,34 del periodo 4-17 gennaio, così come i ricoveri in area medica e in terapia intensiva.

Umbria ad alto rischio, in 10 regioni moderato

A livello regionale al momento solo l’Umbria rimane con una classificazione complessiva di rischio alta (contro 4 della scorsa settimana), mentre 10 Regioni sono classificate con rischio moderato. “Questa settimana – si legge nel report – si continua a osservare un miglioramento del livello generale del rischio, con un aumento significativo di Regioni a rischio basso secondo il DM del 30 Aprile 2020. Una Regione (Molise) ha un Rt puntuale maggiore di 1 anche nel limite inferiore compatibile con uno scenario di tipo 2. Le altre Regioni/PPAA hanno un Rt puntuale compatibile con uno scenario tipo 1“.

Le regioni con rischio moderato sono Abruzzo, Fvg, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Provincia di Bolzano (ad alto rischio di progressione), Provincia di Trento, Puglia e Toscana. Rischio basso per Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Molise (ad alto rischio progressione), Piemonte, Sardegna, Sicilia, Val d’Aosta e Veneto.

Verso il cambio di colore delle Regioni

Sulla base di questi dati, sempre oggi la Cabina di regia, che sarà seguita dal Cts, darà indicazioni sull’andamento dell’epidemia nelle varie Regioni e sugli eventuali cambi di colore con le rispettive misure restrittive. Molti presidenti si aspettano di passare in giallo ma non è detto che arrivi il via libera all’uscita dalla zona arancione.

Fonte : Fanpage