La “Scarpetteria”, nuova formula d’asporto nel ristorante al centro di Roma

I ristoranti di Roma si stanno mostrando sempre più operativi nell’asporto, offrendo soluzioni interessanti, smart e capaci di prendere per la gola i romani. E’ il caso di Carter Oblio, ristorante di nuova apertura in zona Prati che, da pochi giorn ha proposto un format nuovo e dedicato al 100 per cento all’asporto.

Lo chef Ciro Alberto Cucciniello ha scelto di realizzare un nuovo menù, dall’anima street food, pensato e strutturato per poter essere consumato gustosamente al momento, e, al bisogno, conservato al meglio e successivamente riscaldato senza perdere appeal e grinta.

“Scarpetteria” è il nome del format proposto da Carter Oblio: un mix di piatti ricchi e comfort abbinati a pani ispirati, che fungono da completamento del piatto stesso, corroborandone sia il gusto che il gioco di consistenze.  A ciascun piatto il suo pane, incontro calibrato. Tutti i pani di Carter Oblio sono realizzati in casa con lievito madre, arricchiti da una ricerca estrosa e appassionata sulle miscele delle farine, sugli aromi, sulle cotture e affumicature, sulle diverse componenti di gusto.

Attimi di gusto a piazza Fiume: nuovo ristorante internazionale apre a Roma

Il menù “street” di Carter Oblio

In menù si trovano cacciatora di pollo e faraona, abbinata alla baguette alla paprika; totani e polipetti affogati e borlotti con pizza alla salicornia; trippa e cotica all’amatriciana con focaccia strutto, rosmarino e aglio arrostito; ragù napoletano con pane affumicato; uovo fondente e vignarola invernale con pagnotta integrale, farro e semi di lino. Per concludere, è confermato a gran richiesta il bun d’anatra, sciroppo di mirto e cipollotto agrodolce. Lo chef si riserva la sua nota versatilità nel continuo rinnovo dei piatti.

A contraddistinguere la nuova offerte d’asporto di Cartel Oblio è infine il packaging realizzato appositamente per essere portato via, con contenitori coperchiati, funzionali e pratici anche per poter eventualmente riscaldare a casa le pietanze.
 

Fonte : Roma Today