Ambon, cancellate cerimonie: il vescovo è malato di Covid

Mons. Pietro Canisio Mandagi è l’attuale amministratore apostolico di Amboina, pur essendo ora arcivescovo di Merauke, in Papua. Domani ci sarebbero state 5 ordinazioni sacerdotali. Il vescovo è stato colpito dal Covid-19 in modo asintomatico.

Jakarta (AsiaNews) – L’ordinazione sacerdotale di cinque diaconi nella diocesi di Amboina (Molucche) è stata cancellate in data da destinarsi perché il vescovo, mons. Pietro Canisio Mandagi, ha contratto il Covid-19.

Dal novembre dello scorso anno, mons. Mandagi è arcivescovo di Merauke, in Papua, ma è tuttora amministratore apostolico di Amboina (Ambon), essendo stato vescovo della diocesi dal 1994 al 2020.

Contattato per telefono, egli ha spiegato ad AsiaNews: “Sono stato qui ad Ambon per 12 giorni, per discutere tante cose sulla vita della comunità cristiana”. Domani, nella cattedrale di S. Francesco Saverio ci sarebbe stata l’ordinazione sacerdotale di cinque diaconi, due diocesani e tre membri dei Missionari del Sacro Cuore (Msc). In passato, prima di essere vescovo, mons. Mandagi è stato superiore dei Msc.

Per sicurezza, continua il prelato, “ho deciso di fare il test del Covid-19 [v. foto], per precauzione e per non essere un portatore del virus all’ordinazione. Purtroppo, due giorni fa ho fatto il test e ieri mi hanno dato i risultati. Così ho scoperto di aver contratto il coronavirus e così abbiamo dovuto cancellare la cerimonia di domani”.

Il vescovo sembra essere stato colpito in modo asintomatico: “Non ho male da nessuna parte nel corpo – dice – e fino ad ora mi sento molto bene”. Mons. Mandagi si trova al presente ad Ambon per le cure. Il vescovo ha 71 anni.

Fra i Paesi del sud-est asiatico, l’Indonesia è uno dei più colpiti dal coronavirus. Fino ad oggi, il bilancio è di 1.051.795 casi, con 29.518 morti.

Fonte : Asia