Su Sky Cinema” La Settimana della Memoria, 15 film per ricordare le vittime dell’Olocausto

In occasione dell’annuale commemorazione della Shoah che ricorre il 27 gennaio, da lunedì 25 a domenica 31 gennaio la programmazione di Sky Cinema Collection è dedicata ai film che meglio hanno raccontato la persecuzione, il genocidio degli ebrei e gli orrori perpetrati dai nazisti durante la Seconda guerra mondiale.

In occasione dell’annuale commemorazione delle vittime della Shoah che ricorre il 27 gennaio, da lunedì 25 a domenica 31 gennaio la programmazione di Sky Cinema Collection è dedicata ai film che meglio hanno raccontato la persecuzione, il genocidio degli ebrei e gli orrori perpetrati dai nazisti durante la Seconda guerra mondiale. Da sempre spunto di grandi narrazioni cinematografiche, l’Olocausto è stato raccontato lungo le decadi sia dai grandi registi più conosciuti che dagli autori di nicchia. Il cinema è stato in grado di trattare la materia e apporre il suo personalissimo e poliedrico sguardo dando vita a film commoventi e strazianti, divertenti e per tutti, necessari e dal grande valore storico

Ecco i titoli in programmaziomne

Schindler’s List

  • Jojo Rabbit
  • Woman in Gold,
  • Sobibor
  • Storia di una ladra di libri
  • Resistance
  • 1938, diversi 
  • La guerra di Sonson
  • Il bambino con il pigiama a righe
  • L’ultimo treno
  • Sunshine – Storia di una famiglia,
  • La tregua
  • Una giornata particolare,
  • Il giardino dei Finzi Contini
  • Exodus.
  • Lezioni di persiano

.

Il film più sentito e impegnativo nella carriera di Steven Spielberg. Il regista, di origini ebraiche e da sempre molto attento alla questione storico-religiosa, ha affermato che si tratta del suo lavoro migliore ma che non vorrebbe più rifare per il troppo coinvolgimento emotivo. Vincitore di sette premi Oscar tra cui miglior film e miglior regia, Schindler’s List è qualcosa che non si dimentica. Un incubo mascherato da documento storico in cui la forma cinematografica (un sinuoso ed elegante bianco e nero) viene usata per raccontare le atrocità più raccapriccianti. Grande cinema.

Jojo Rabbit (2019)

Uscito nelle sale lo scorso anno, Jojo Rabbit è l’ennesimo tassello di un talento veramente unico e affascinante, quello del regista Taika Waititi. Premiato con l’Oscar proprio per la sceneggiatura di questo lavoro, l’autore si era fatto notare come regista di blockbuster quali Thor: Ragnarok e ha anche partecipato alla lavorazione della recente serie televisiva targata Star Wars, The Mandalorian. Facendo i conti con la Seconda Guerra Mondiale, non rinuncia al suo sguardo irriverente e racconta la storia di un’amicizia più unica che rara tra un ragazzino profondamente convinto della bontà della dottrina nazista e un’adolescente ebrea nascosta in casa sua. Sposando lo sguardo di due giovanissimi, Jojo Rabbit è un film divertente, profondo e commovente adatto a tutte le età, con un cast eccezionale nel quale svettano Scarlett Johansson e Sam Rockwell.

Il bambino con il pigiama a righe (2008)

Se Jojo Rabbit si rivolge più a ragazzi e adolescenti, il cinema è stato in grado di raccontare l’Olocausto anche ai bambini ancora più piccoli. Il caso più celebre e riuscito è sicuramente quello de Il bambino con il pigiama a righe. Il film diretto da Mark Herman racconta di un’amicizia impossibile tra due bimbi separati da un recinto spinato e dal colore dei loro vestiti. Un inno unico e potentissimo mirato ad abbattere qualsivoglia barriera e preconcetto, valido ancora oggi seppur ovviamente declinato ad altri contesti sociali. Il finale non si dimentica. Si consiglia la visione ai bambini accompagnati comunque dai genitori.

Il giardino dei Finzi Contini (1970)

Per gli spettatori più esigenti e amanti della Storia del cinema, il film diretto da Vittorio De Sica è un’occasione imperdibile per rispolverare i grandi registi della nostra cinematografia. Tratto dal romanzo omonimo di Giorgio Bassani, la pellicola porta in scena una storia di tensioni sottaciute covate in una fragile quotidianità sull’orlo di una frattura insanabile. Nonostante il film dovette fare i conti con una produzione non semplice e ricca di imprevisti, Il giardino dei Finzi Contini vinse l’Orso d’oro al Festival di Berlino e il premio Oscar come miglior film straniero, incensando ulteriormente la carriera di uno dei più grandi registi del nostro panorama.

Lezioni di persiano (2020)

Ultimo ma non ultimo, il 27 gennaio sarà trasmesso in prima visione su Sky Cinema Due il recentissimo Lezioni di persiano. Il film racconta le peripezie di un ebreo belga di nome Gilles che riesce a scampare a un’esecuzione spacciandosi per iraniano. Un ufficiale nazista che intende trasferirsi a Teheran, infatti, ha bisogno di lezioni giornaliere per imparare la lingua. Così, per restare in vita, Gilles proverà a formare il tedesco insegnando una lingua inventata che, a sua volta, dovrà imparare per mantenere saldo l’inganno. A cavallo tra thriller, commedia e profonda riflessione sul potere della lingua come arma per salvaguardare la memoria, Lezioni di persiano è uno dei film a tema più interessanti tra quelli realizzati di recente.

Fonte : Sky Tg24